Continua la strage dei migranti nel Mediterraneo: decine di morti e dispersi negli ultimi giorni secondo quanto hanno dichiarato l'Organizzazione internazionale per le migrazioni e le autorità tunisine

Le autorità tunisine hanno dichiarato domenica (24 aprile) che 17 corpi sono stati recuperati dopo che quattro barche si sono capovolte nel Mar Mediterraneo vicino alla costa tunisina. Mourad Turki, un portavoce a Sfax, ha affermato che le barche erano in cattive condizioni e che erano partite dalla città portuale durante la notte da venerdì a sabato (22-23 aprile).

Le vittime includevano una donna e “almeno un bambino”, ha detto Turki, ma il bilancio potrebbe aumentare. I sopravvissuti hanno detto che “c’erano tra le 30 e le 32 persone a bordo di ogni barca”. La maggior parte proveniva da Paesi dell’Africa subsahariana, tra cui Costa d’Avorio, Mali e Somalia.

La marina tunisina ha dichiarato di aver salvato 98 sopravvissuti dalle quattro piccole imbarcazioni. Un portavoce della Guardia nazionale tunisina a Sfax, Ali Ayari, ha confermato che le barche erano dirette in Italia.

Domenica scorsa, l’agenzia delle Nazioni Unite per l’immigrazione Iom in Tunisia ha twittato che erano stati recuperati 12 corpi.

L’agenzia di stampa Reuters ha riferito domenica che i corpi di tre persone sono stati recuperati in Tunisia e altre 155 persone sono state detenute, secondo l’agenzia di stampa statale tunisina. Lo stesso rapporto afferma anche che 76 migranti sono stati soccorsi al largo della costa tunisina a Mahdia, a circa 100 chilometri a nord di Sfax. Non sono disponibili ulteriori dettagli.

Muoiono così tante persone nel mare che non c’è più spazio nei cimiteri, ha detto Mourad Turki all’agenzia di stampa dpa domenica.

I corpi vengono distribuiti tra vari cimiteri in altre regioni, secondo Turki. Fonti dell’ospedale locale di Sfax hanno detto che circa 50 corpi di coloro che erano morti in passati naufragi sono rimasti negli obitori in attesa di sepoltura.

Al largo della costa libica, secondo quanto riferito, almeno sei persone sono morte quando la loro barca è affondata nel fine settimana. Nel frattempo, domenica le autorità libiche hanno arrestato e detenuto più di 540 persone, per lo più cittadini del Bangladesh, mentre provavano a partire per l’Europa.

L’Oim afferma che il Mediterraneo centrale, dalla Libia e dai Paesi del Maghreb all’Italia e a Malta, è la rotta migratoria più pericolosa al mondo. L’agenzia delle Nazioni Unite stima che più di 1.500 persone siano morte o scomparse nel Mediterraneo centrale nel 2021, e oltre 500 finora nel 2022.

Buon lunedì.