Da oltre un anno il mondo dei lavoratori dello spettacolo riceve dal governo risposte inadeguate. Quasi come se oltre 300mila persone non esistessero. Ma questo le ha spinte a organizzarsi e a elaborare una riforma che definisce nuove tutele e strumenti per rilanciare il settore
Funzioni religiose sì, eventi culturali no. Poiché le chiusure sono figlie di una precisa politica sanitaria di prevenzione sfugge il motivo per cui la circolazione del virus cambierebbe in base a cosa va in scena su un palco davanti a un pubblico
Nella seconda metà del ’900 Lina Bo Bardi è stata protagonista in Brasile di una ricerca artistica e d’impegno civile in architettura. Ne ripercorriamo la vita e l’attività attraverso gli scritti e le opere. Per riscoprire una grande donna architetto cui va il Leone d’oro alla memoria della Biennale di Venezia
Ateo, socialista e insofferente verso le gabbie ideologiche, l’autore di Millenovecentottantaquattro era un umanista controcorrente, come raccontano non solo i suoi testi autobiografici ma anche quelli politici e contro la pena di morte
Ricostruire l’arena dei Gladiatori come appariva nell’800. È l’idea fissa del ministro Franceschini che vuol far partire i lavori nel 2021. Ma una copertura integrale non serve e anzi potrebbe creare problemi di conservazione. Ben altri sono gli interventi di cui l’Anfiteatro Flavio avrebbe bisogno
Donna libera e coraggiosa, eroina della Resistenza. Questo fu la fotografa tedesca che con Robert Capa fece conoscere al mondo la guerra civile spagnola. Ora la sua vita è raccontata in un progetto del Mudec a Milano
È in corso un grande processo interculturale, nonostante le varie narrazioni sovraniste. Così, artisti di origine africana approfondiscono le proprie radici culturali, il rapporto con i Paesi ex coloniali, le migrazioni. Una nuova e originale ricerca testimoniata da due mostre a Firenze
A colloquio con la senatrice Michela Montevecchi, ideatrice degli incontri Pillole di ArteScienza
Fin dagli anni Ottanta il regista con i Krypton ha sperimentato in vari modi la multimedialità. E sul fenomeno degli spettacoli in streaming osserva: «Il linguaggio elettronico è espressione di un’epoca e non va svuotato di senso»
La street artist è stata in Bosnia, nei campi profughi al confine con la Croazia, portando con sé alcune sue opere come Life is not a game. «Ho visto la disperazione, ma anche la ferrea volontà di non cedere al meccanismo disumanizzante dei respingimenti»