Per Meloni la misura di contrasto alla povertà è come "metadone di Stato". Roba da brividi se dalle nostre parti ci fosse ancora un minimo di senso della decenza e della misura
«Non si può scaricare sulle parti sociali qualcosa che il governo non riesce a fare perché non si mette d’accordo con la Lega», dice la segretaria Fiom Francesca Re David sul Green pass per le mense. E sul decreto delocalizzazioni: «Troppo debole con le multinazionali»
Per la più antica banca del mondo, il Monte dei Paschi di Siena, si prospetta ormai la strada obbligata dell’acquisizione da parte di Unicredit. Una fusione che richiede un intervento pubblico, per il momento, di circa 8 miliardi di euro. E che comporta la perdita di migliaia di posti di lavoro
Nemmeno lo spiffero del presidente Draghi che ha difeso con forza il principio del reddito di cittadinanza (ma i migliori, si sa, sono migliori solo quando dicono concetti che tornano utili) ha fermato la battaglia...
A Bologna la Logista licenzia 90 lavoratori via whatsapp. Alla Modular di San Vendemiano non si possono prendere bottigliette d'acqua fuori dalle pause. Mentre Laila El Harim a Modena muore incastrata in un macchinario come Luana D'Orazio
Non solo la Gkn. Dopo lo sblocco dei licenziamenti, i colossi di diversi settori produttivi hanno licenziato già 1.704 dipendenti. E ora sarebbero 50mila i lavoratori a rischio. Questo è il tema che si continua a rimandare nel dibattito mentre ci tocca sorbire i paternalismi di chi dice che "gli italiani devono imparare a soffrire"
A Bruxelles è in discussione una direttiva che mira a garantire nei Paesi Ue una soglia retributiva minima al di sopra di quella di povertà. La confederazione europea dei sindacati è favorevole e in vari Stati è già realtà. Come in Germania, grazie all’impegno della Linke
Pochi giorni sono bastati per avere conferma che le conseguenze dello sblocco dei licenziamenti sui lavoratori saranno pesantissime. Per questo è ancor di più urgente un nuovo sistema di tutele. Una riforma che integri ammortizzatori, reinserimento al lavoro, formazione continua e strumenti per il ricambio generazionale
Lockdown, coprifuoco, smartwork totalizzante e turni estenuanti a rischio contagio. Dopo oltre un anno di pandemia, milioni di lavoratrici e lavoratori sono sfiniti. Nel mondo si riaccende la lotta per lavorare meno a parità di salario. E in Italia?
Abbiamo un po’ provocatoriamente intitolato “Diritto all’ozio” questa nostra nuova storia di copertina dedicata al lavoro, pensando all’otium letterario dei latini, a quel diritto ad avere tempo per leggere, studiare, creare che dovrebbe essere di tutti e non solo di chi può permetterselo.