Dal Parlamento scozzese a Edimburgo al mercato di Santa Caterina nel cuore di Barcellona, in mostra a Roma fino al 15 maggio i progetti architettonici di Benedetta Tagliabue ed Enric Miralles, raro esempio di rapporto vitale con l’ambiente urbano circostante
Da Ultima legione, a Sole nero all’Ordine di Hagal e altri. L’opportunità offerta ai gruppi armati neonazisti italiani dalla guerra in Ucraina e dai legami con i loro omologhi ucraini
Da un mese è in corso una preoccupante escalation degli scontri a Gerusalemme e a Gaza. Cesserà mai il conflitto con Israele? Ne parliamo con uno tra gli autori più originali della poesia palestinese. «Non serve andare ad Harvard per imparare che siamo tutti uguali - dice -, tutti abbiamo una naturale predisposizione al rifiuto delle ingiustizie»
«Se i partiti smettono di occuparsi di politiche del lavoro spetta a noi fare ancor più politica per rappresentare chi vive del proprio lavoro», dice il neo segretario generale Fiom Cgil, Michele De Palma, nel fare il punto sulle vertenze in corso e sulla crisi socio-economica e ambientale
Non c’è pace per le curde e i curdi. Approfittando dell’attenzione internazionale tutta concentrata sul conflitto in Ucraina, il presidente turco Erdogan ha avviato, indisturbato, una nuova offensiva militare nel Kurdistan iracheno. La testimonianza di Qandil, un giovane dissidente rifugiato in Italia
In una parte della sinistra occidentale si è diffusa una tendenza a presentare le ragioni del conflitto in Ucraina focalizzandosi sulle responsabilità dell’Occidente, fino ad oscurare il ruolo di Putin e le aspirazioni di chi resiste. Ecco cosa ne pensa la sinistra “orientale”
Terzo mese di guerra. L’offensiva imperialista di Putin, benedetta dalla Chiesa del patriarca Kirill, non si ferma. In Ucraina distruzioni, depredazioni, eccidi, esecuzioni di civili, stupri come arma di guerra, come già in Bosnia, come...
Ogni anno sono centinaia di migliaia i morti nelle guerre che non vengono raccontate. In questo momento, per esempio, inclusa l’Ucraina, si combatte in 34 zone del mondo. Altre 15 vivono situazioni di tensione che rischiano fortemente di degenerare in conflitto armato
Rut Kurkiewicz da oltre sei mesi documenta quotidianamente le violenze e i soprusi compiuti dalla polizia polacca e da quella bielorussa nei confronti dei profughi non europei ammassati al confine tra i due Paesi: «Non c’è aiuto sistematico ma razzismo sistematico»
È realistica una resistenza nonviolenta alle stragi di Putin? Come si può parlare di “neutralità attiva” rispetto alla guerra in Ucraina? È vero che la Costituzione ammette una guerra difensiva? Ne parliamo con il coordinatore della Rete italiana pace e disarmo, Francesco Vignarca