Il 2023 è stato l'anno più caldo mai registrato dal 1850. Lo ha documentato l'Organizzazione meteorologica mondiale. E da qui al 2027 c'è il 66% di probabilità che si superi la soglia di 1,5 gradi fissata dagli accordi di Parigi. Vedete senso di urgenza in giro?
La Convenzione sul patrimonio mondiale ha compiuto 50 anni. Ma il modello su cui si è basata finora mostra molte criticità: i siti vengono individuati soprattutto in un’ottica eurocentrica e la loro gestione è declinata in chiave economicista, finalizzata allo sfruttamento turistico
Il business dei fertilizzanti e la corsa all’oro minacciano la Grande foresta e i nativi che la popolano. Dopo un lungo lavoro di lobby iniziato con Bolsonaro e consolidato con Lula, una multinazionale canadese ha ottenuto le licenze per realizzare progetti dal forte impatto ambientale
Il litorale laziale rischia di essere preso d'assalto da grandi navi a causa di un progetto inserito nelle opere del Giubileo. Intellettuali e attivisti (da Montanari a De Lucia e Ferrajoli) lanciano un appello per preservare un paesaggio costiero ancora incontaminato
Dalla rivoluzione d'ottobre del 1917 fino a quella castrista, il Novecento ha assistito a un grande cambiamento ideologico, ovvero che la società capitalistica fondata sul profitto potesse essere superata. Questo non è avvenuto, ma di fronte alla crisi attuale del capitalismo che ha prodotto diseguaglianze e guerre, si affacciano nuovi movimenti. L'analisi dell'ex presidente della Camera che oggi, 29 novembre, partecipa a Giorni di storia festival a Sesto Fiorentino
L'ambiente e la cultura di un intero territorio nel Sud del Paese sono a rischio per l'arrivo del Corredor, un mega progetto statunitense che dovrebbe essere l'alternativa al canale di Panama. Ecco le testimonianze degli abitanti e degli attivisti che da mesi protestano
Una indagine di Fondazione Allianz su 10mila giovani rivela il profondo scollamento tra la politica e le nuove generazioni. Nel nostro Paese, da una parte si bocciano le spese militari, dall'altra si chiedono risposte efficaci contro la crisi climatica e le diseguaglianze sociali
L'agricoltura intensiva ha ridotto la fame nel mondo ma oggi mostra tutti i suoi limiti. Per evitare lo spopolamento delle campagne nelle aree colpite dagli eventi climatici estremi occorre il ritorno a pratiche produttive tradizionali, che rispettino l'ambiente e le culture locali. Se ne parla in un convegno a Firenze l'8 novembre
Nel capoluogo toscano crescono come funghi studentati di lusso e dilagano le privatizzazioni di spazi pubblici. E proprio sulla necessità di cambiare il regolamento urbanistico del Comune è in corso una battaglia culturale dei cittadini nel segno della tutela del patrimonio come bene collettivo
Il caso di Gianluca Grimalda, presentato dai media come il gesto stravagante di un ambientalista, in realtà è una forma di disobbedienza civile che dimostra non solo l'attenzione alla crisi climatica ma riafferma anche il valore della dignità e dell’autonomia personale, apre una crepa nel modo (prevalente) di concepire il lavoro. Da qui lo spunto a rileggere Marx sul lavoro utile e lavoro astratto