Le Newsletter

Arrivano le Newsletter di Left, per portare l’informazione di sinistra, laica, internazionalista e antifascista direttamente nella tua email.

Ricevi ogni settimana articoli esclusivi di approfondimento, scritti per te dalle firme di Left, su temi specifici spesso indagati poco e male dai media mainstream.

Il rigore giornalistico, l'originalità e l’indipendenza di Left in formato elettronico.
Ogni newsletter è tematica, puoi iscriverti a tutte oppure solo alle tue preferite.
I primi due mesi sono gratis!


Charleston è la newsletter che ti racconta gli Stati Uniti da sinistra, offrendoti contenuti originali e un’analisi critica della politica e della cultura statunitense. Un approfondimento settimanale di Alessia Gasparini direttamente nella tua posta ogni sabato mattina, che ti libera dal bisogno di cercare informazioni su mille siti diversi e che ti fornisce i retroscena utili a capire le ultime notizie o i fenomeni culturali d’oltreoceano.
Tutti conosciamo un po’ gli Stati Uniti. Iscriviti a Charleston per conoscerli ancora meglio.


Programmare l’imprevedibile è la newsletter che indaga i processi che caratterizzano la transizione in atto: il passaggio epocale della crisi del capitalismo e il tentativo di una nuova formazione economico-sociale di mettere le radici.
Ogni domenica mattina,
l’approfondimento di Sergio Bellucci sul senso delle trasformazioni indotte dalla potenza della tecno-scienza e i suoi impatti sull’umanità, le conseguenze sul consumo del pianeta e gli equilibri vitali della Terra. Il tentativo di avere una bussola per orientarsi nei nuovi territori.


Umanità sconfinata è quella che si incontra e si sposta nel pianeta per scelta o costrizione. Quella che non ammette muri e realizza, lentamente ma con ostinazione, nuova società e convivenza; che sconfigge, quotidianamente, nazionalismi e razzismi.
È quella che raccontiamo ogni sabato pomeriggio in questa newsletter di Stefano Galieni, attraverso le storie e le voci di donne e uomini, mostrando tanto gli ostacoli che si incontrano quanto, e soprattutto, le barriere che si oltrepassano.