LEFT N. 32 | 9 agosto 2019


Più repressione e meno parlamentari: più potere a chi governa. Dopo il decreto sicurezza bis,
con le intimidazioni alle Ong, la persecuzione dei poveri e di chi osa manifestare dissenso,
Lega e M5s vogliono manomettere la Costituzione. E puntano a diminuire i rappresentanti
alla Camera e al Senato, con il pretesto di un irrisorio taglio dei costi della politica

COPERTINA

Rapinatori di democrazia

di Checchino Antonini

Nell’abisso della disumanità

di Stefano Galieni

Come devono vestire le donne? Lo decide la Lega

di Vale Aurino

Il galateo urbano ai tempi del neoliberismo

di Leonardo Filippi

Senza Garante e senza diritt

di Donatella Coccoli

Sabino Cassese: Il decreto Salvini serve solo alla Lega

di Simona Maggiorelli

Vogliono telecamere ovunque ma non in caserma

di Riccardo Bucci


L’insostenibile scomparsa dell’opinione pubblica

di Roberto Musacchio


Italia tossica, dove la salute è un optional

di Carmine Gazzanni

Non è un Paese per vecchi operai

di Eugenio Raspi

Le armi facili uccidono più della mafia

di Giorgio Beretta

Un grande Far West della paura

di Stefano Iannaccone


Hong Kong, in gioco un futuro democratico

di Alessandra Colarizi

Dalla Siria al Ghana senza ritorno

di Giacomo Zandonini e Francesco Bellina

Quegli ebrei vittime dei razzisti. Ebrei

di Roberto Prinzi


I paradossi di Machiavelli

di Noemi Ghetti

Lenin lettore del Principe

di N. Gh.

Cristina Donà e Ginevra Di Marco, due artiste che fanno la differenza

di Alessandra Grimaldi


le rubriche

Temperature

di Fabio Magnasciutti

Left quote

di Massimo Fagioli

Editoriale

di Giovanni Russo Spena

Vaurandom

di Vauro

Parere

di Giuseppe De Marzo

Parere

di Carla Corsetti

Libri

di Filippo La Porta

Parere

di Matteo Fago

Tempo liberato

Community

PRECEDENTE | SUCCESSIVO