¿Dónde está Santiago Maldonado?

[I nuovi desaparecidos]

Bergoglio e i migranti nuovi desaparecidos, editoriale di Simona Maggiorelli

Bergoglio benedice la linea di Minniti e la tolleranza zero nei riguardi delle Ong colpevoli di «estremismo umanitario», ovvero di fare tutto il possibile per salvare vite umane. Di più: il papa raccomanda «prudenza» nell’accogliere migranti e rifugiati che scappano da guerre, devastazioni, carestie, epidemie… «Non si possono accogliere tutti». Ipse dixit. I giornali di destra esultano. La sinistra che non perde occasione di citare il papa aprirà gli occhi? La maschera è caduta. Bergoglio finalmente dice ciò che pensa e da sempre fa, in accordo con la legislazione vigente in Vaticano, blindatissimo rispetto a migranti e rifugiati. Ritroviamo in queste recenti esternazioni del pontefice in viaggio dalla Colombia quel tono tutt’altro che misericordioso che in passato gli abbiamo sentito usare in più occasioni. «Se uno mi offende la madre gli do un pugno» ebbe a dire nel gennaio del 2015 dopo la strage nella redazione di Charlie Hebdo. Puntando il dito contro gli evasori fiscali nel 2013 disse che andrebbero gettati in mare. Evocando l’immagine da brivido di quei voli della morte che negli anni 70 in Argentina furono usati dalla dittatura per far sparire nel nulla una intera generazione di giovani oppositori al regime di Videla. All’epoca Bergoglio era il capo dei gesuiti argentini.

Ora quella storia agghiacciante, che speravamo di poterci lasciare definitivamente alle spalle, purtroppo, si riaffaccia. Il caso di Santiago Maldonado, attivista pro indios Mapuche è tragicamente emblematico: di lui non si sa più nulla dopo l’arresto avvenuto il primo agosto. Lo scrittore argentino Marcelo Figueras in queste pagine ricostruisce questo nuovo caso di desaparición che getta inquietanti ombre sulla amministrazione Macri. Il presidente dell’Argentina ha demonizzato i Mapuche, colpevoli di rivendicare le proprie terre che oggi fanno gola a grandi gruppi commerciali. Milagro Sala intanto è ingiustamente detenuta ormai da quasi due anni e il caso di Santiago non è l’unico. L’atlante della nuova desaparición è vasta: comprende l’Argentina, il Messico, l’Egitto e oltre. Appare subito evidente se si mettono insieme le denunce di Amnesty international e quelle di altre organizzazioni che lottano per i diritti umani. La sparizione forzata di Maldonado denunciata su Left anche da Estela Carlotto, presidente delle Abuelas di Plaza de Majo trova analogie in Egitto, dove spariscono tre persone al giorno. Ed è “svanito” dal web il sito che di giorno in giorno tracciava il quadro delle sparizioni di Stato. Anche Giulio Regeni è stato desaparecido prima che ne venisse ritrovato il cadavere. Il governo di Al-Sisi non ha fornito informazioni necessarie a fare giustizia. Nonostante ciò il ministro Minniti, lo stesso del codice di comportamento delle Ong, ha deciso di rimandare al Cairo l’ambasciatore italiano. E qui torniamo all’inizio. Il cerchio drammaticamente si chiude nel Mediterraneo dove non si contano nemmeno più i migranti che sono desaparecidos. Annegati in mare, dispersi nel Sahara, inghiottiti dai lager libici, dove i diritti umani non hanno alcuna cittadinanza, come hanno documentato gli attivisti di Medici senza frontiere.

Illuminanti, nelle pagine che seguono, sono le parole di Enrico Calamai, l’ex diplomatico dell’Ambasciata italiana a Buenos Aires che riuscì a far fuggire in Italia 412 persone e che oggi si batte per ottenere verità e la giustizia per i nuovi desaparecidos nel Mediterraneo. La dittatura civico militare argentina non si accontentava di torturare e uccidere, ma puntava a far sparire la persona; il corpo doveva scomparire e così la memoria dei giovani oppositori, come se non fossero mai esistiti. Allo stesso modo i nazisti, con la soluzione finale, avrebbero voluto cancellare l’esistenza degli ebrei dalla storia. «Far sparire significa la non esistenza. Viene agita una violenza che è più forte di quella fisica», dice lo psichiatra Andrea Masini in questo nuovo numero di Left. Per capire quel che accadde e quel che sta accadendo occorrono lenti nuove.

copertina
Sparire in democrazia per mano dello Stato

di Marcelo Figueras

Estela Carlotto: Quaranta anni, quaranta giorni

di Fe. T.

Lo psichiatra Masini: La violenza dell’annullamento non è più sconosciuta

di Federico Tulli

La forza della memoria (foto)

di Giancarlo Ceraudo

Desaparecidos, la mappa mondiale del terrore di Stato

di Leonardo Filippi

Egitto, generation jail

di Michela AG Iaccarino

Enrico Calamai: Dall’Argentina alla Libia la strage delle “non persone”

di Donatella Coccoli


Claudio Fava: «Ecco perché in Sicilia facciamo paura»

di Giulio Cavalli

Piombino porta i segni di un Paese senza bussola

di Simone Fana

Filippine, l’incubo degli sfollati di Marawi

di Matteo Miavaldi

Maldive, il jihad nel paradiso dei turisti

di Francesca Borri

Altrimenti si arrabbiano. Trump, Putin e gli altri sovranisti

di Umberto De Giovannangeli

Varoufakis, un battitore libero si aggira per l’Europa

di Andrea Ventura

Una spina nel fianco dell’establishment europeo

di Matteo Guidi

Conoscenza dell’istinto di morte

di Massimo Fagioli

Il filo forte di un pensiero coerente e rivoluzionario

di Federico Masini

Frank Lloyd Wright, l’architetto che sfidava la forza di gravità

di Remo Di Carlo

Il farmaco contro il cancro, promettente e proibitivo

di Pietro Greco


le rubriche
Left Quote

di Massimo Fagioli

Editoriale

di Simona Maggiorelli

Editoriale

di Matteo Fago

Vaurandom

di Vauro

Parere

di Martina Carpani e Giulia Biazzo

Parere

di Anna Pompili

Libri

di Filippo La Porta

Cinema

di Daniela Ceselli

Tempo liberato

Community

PRECEDENTE | SUCCESSIVO