Persone dal coraggio enorme che solo gli addetti ai lavori e le persone ossessionate dalle notizie provenienti dal martoriato Medio oriente conoscono. Sono quelli di Raqqa is being slaughtered silently, Raqqa viene macellata in silenzio, un sito e una serie di account twitter che ci raccontano quotidianamente quel che succede nella città capitale del Califfato. La vita quotidiana, le violenze e anche gli effetti dei bombardamenti.
Senza gente così avremmo solo la propaganda di Daesh e le notizie dei comandi sui raid aerei. Ad esempio non sapremmo che i radi aerei di stanotte hanno ucciso 21 civili tra cui dei vigili del fuoco. Come si legge nel tweet qui sotto.

Uno di loro, Ahmad Mohamed al-Mousa, il fondatore del gruppo, è stato assassinato la scorsa notte da uomini mascherati.  

Almeno altri due membri di Raqqa is being slaughtered slowly erano già stati uccisi. A ottobre, Ibrahim al-Qader Abd era stato ucciso da ISIS aassieme al collega giornalista Fares Hamadi a Urfa, in Turchia. A maggio 2014, era stata la volta di Al-Moutaz Bellah Ibrahim, rapito e ucciso da uomini di Daesh.

Il mese scorso il gruppo è stato premiato con il premio internazionale per la libertà di stampa 2015, dal Committee to Protect Journalists (CPJ) di New York.

Il direttore del CPJ ha dichiarato: «Solo poche settimane fa, circa 900 giornalisti, difensori della libertà di stampa si sono alzati in piedi ad applaudire e celebrare il lavoro del gruppo di Raqqa. Oggi siamo tutti in piedi di nuovo, questa volta per un lutto.» Il discorso di accettazione del premio è nel video qui sotto, ecco un passaggio tradotto:

Siamo stretti tra due forze aggressive e brutali. La prima è quella di un regime criminale, ossessionato dal potere, che pretende di combattere il terrorismo uccidendo bambini. Il secondo diffonde il male e l’ingiustizia, e dipinge il Paese di nero.

Entrambi ci considerano dei criminali perché facciamo sapere al mondo quel che fanno. La semplice menzione del nome di “Raqqa viene macellata in silenzio” è diventato un crimine punibile con la morte.

I membri di “Raqqa viene macellata in silenzio” non sono diversi da nessuno di voi. Noi amiamo la nostra casa e abbiamo ambizioni e il sogno di metter su famiglia e vivere felicemente.

Lavoriamo cone mezzi pacifici di lotta contro forze oscure, e le nostre pubblicazioni hanno un grande impatto  e piantano semi di resistenza pacifica. Effettuiamo campagne graffiti sui muri all’interno delle roccaforti di ISIS, cercando di dimostrare al mondo che noi sconfiggeremo le armi con il pensiero.

كلمة الرقة تذبح بصمت لدى استلام جائزة حرية الصحافة العالمية#الرقة_تذبح_بصمت#Raqqa #ISIS #Syriaكلمة عضو الرقة تذبح بصمت لدى استلام جائزة حرية الصحافة العالمية CPJ Raqqa is Being Slaughtered Silently 2015 IPFA Acceptance Speech CPJ

Posted by ‎الرقة تذبح بصمت Raqqa is Being Slaughtered Silently‎ on Giovedì 26 novembre 2015

Commenti

commenti