Qualche giorno fa l’Europa ha presentato il piano sull’immigrazione, promettendo otto miliardi all’Africa e l’avvio di trattative per firmare accordi bilaterali con una serie di Paesi che sono i luoghi di approdo di centinaia di migliaia di rifugiati – o Paesi da cui i rifugiati stessi vengono. Obbiettivo: rafforzare le economie e, soprattutto, fermare le partenze. Tra i Paesi con cui si decide di trattare c’è anche l’Etiopia.
Oggi Human Rights Watch denuncia come nei mesi scorsi, le forze di sicurezza del regime di Addis Abeba abbiano ucciso centinaia di persone che protestavano contro un piano nazionale che avrebbe sequestrato la terra a molti agricoltori. Le proteste, cominciate a novembre sono stati innescate dal timore che il piano denominato “Integrated Development Master Plan” avrebbe determinato lo spostamento forzato di molti agricoltori Oromo, come è già avvenuto molte volte negli ultimi dieci anni.

Tra le cose verificate da Hrw:

  • Le forze di sicurezza hanno usato proiettili veri per gestire la piazza, sparando sulla folla più volte e uccidendo in più occasioni uno o più manifestanti. Human Rights Watch e altre organizzazioni hanno identificato più di 300 persone morte. L’uso delle pallottole è avvenuto spesso senza nemmeno il preavviso e molti dei morti sono studenti, anche sotto i 18 anni.
  • La polizia e i militari hanno arrestato decine di migliaia di studenti, insegnanti, musicisti, politici dell’opposizione, operatori sanitari, e persone che hanno fornito assistenza e rifugio per gli studenti in fuga. Mentre molti detenuti sono stati rilasciati, un numero imprecisato rimane detenuto senza accusa e senza accesso ai membri consigliare o familiari legali.
  • I testimoni hanno descritto un livello di arresti come senza precedenti. Yoseph, 52, dalla zona Wollega, ha detto: «Ho vissuto qui per tutta la mia vita, e non ho mai visto una repressione così brutale. Ogni famiglia qui ha avuto almeno un figlio arrestato».
  • Gli ex detenuti hanno detto a Human Rights Watch di essere stati torturati o maltrattati durante la detenzione, anche in campi militari, e diverse donne hanno denunciato di essere state violentate o aggredite sessualmente. Alcuni hanno detto che sono stati appesi per le caviglie e picchiati; altri hanno parlato di scosse elettriche applicate ai piedi, o pesi legati ai loro testicoli. Riprese video mostra agli studenti picchiati nei campus universitari.
  • Nonostante il gran numero di arresti, le autorità non hanno emesso accuse formali.
  • L’accesso all’istruzione – dalla scuola primaria all’università – è stato interrotto in molti luoghi a causa della presenza delle forze di sicurezza dentro e intorno alle scuole, l’arresto di insegnanti e studenti, e la paura di andare a lezione di molti studenti. Le autorità hanno chiuso molte scuole per settimane per scoraggiare le proteste. Molti studenti hanno raccontato ai ricercatori di Human Rights Watch che militari occupano i campus.

Il piano, alla fine, è stato ritirato, ma le detenzioni e i raid delle forze di sicurezza proseguono. Ci sono state alcune segnalazioni credibili di violenza da parte manifestanti, tra cui la distruzione delle aziende agricole di proprietà straniera, saccheggi di edifici governativi, e l’altro la distruzione di proprietà del governo. Tuttavia, le indagini di Human Rights Watch su 62 tra le oltre 500 manifestazione di protesta da novembre a oggi hanno verificato che la maggior parte è stata pacifica.

Nel video di Hrw le immagini della repressione

Commenti

commenti