C’erano bambini, giovani madri, fidanzati con la mano nella mano. Nonni e ragazzi a godersi l’aria della sera, col naso in su a guardare la luna e lo spettacolo dei fuochi su La promenade des anglais, lungomare elegante di Nizza. Erano le 22,40. Un camion bianco, lungo 15 metri, si è lanciato sulla folla. Sterzando a destra e a sinistra per prendere sotto quanti più birilli. Solo che i birilli erano persone, turisti arrivati in Côte d’Azur, francesi in festa per il 14 luglio, anniversario della rivoluzione del 1789, festa nazionale. Due chilometri di corsa: almeno 80 morti, oltre 100 feriti e fra questi almeno 15 in condizioni gravissime. L’autista è stato ucciso, pare da un agente in scooter che si è affiancato alla cabina di guida e gli ha sparato. Sul camion -dicono le autorità locali- sono state trovate armi e granate. Fittizie, pare.
L’apocalisse del nostro tempo, che rivela il volto disumano dell’uomo. L’odio per chi vive, per chi ama o va in vacanza. “L’attacco alla Francia”, così titola La Stampa, il terzo in 18 mesi, dopo Charlie Hebdo e il Bataclan. Dunque era un terrorista islamico alla guida del camion della morte? Sono stati trovati documenti di un franco-tunisino, Hollande ha parlato di “attentato islamista”. È verosimile, quasi certo! La libertà di satira, i giovani sulle terrazze di Parigi e ad ascoltar musica al Bataclan, la festa del 14 luglio. Le bestie che stuprano e sgozzano, che esercitano il potere tra Siria e Iraq, hanno buoni motivi per odiare la Francia.
L’illuminismo, la rivoluzione poi le campagne napoleoniche furono infatti la prima mondializzazione che affermava i diritti dell’uomo, mentre apriva le rotte del traffico delle merci. In quegli stessi anni si saldava il sodalizio tra un predicatore, Al Wahhab, feroce nemico della civiltà e della storia islamica, che sognava il ritorno al medioevo e la totale sottomissione a dio e al califfo, e Al Saud, capostipite della dinastia che regna ancora sull’Arabia e sui luoghi sacri. Contro la mondializzazione dei diritti, contro chi scriveva Le lettere persiane, Candide o il trattato sulla Tolleranza, nasceva una anti mondializzazione radicale intenta a cancellate diritti, cultura, immagini, statue e memoria di una grande civiltà. Si diffondeva un virus che ora attrae donne e uomini in occidente, che succhia il sangue di chiunque abbia origini berbere, arabe o islamiche. Con il senso di colpa: ci bombardano, uccidono i nostri figli, sfruttano le nostre risorse, ci impongono governi corrotti. Ma anche con il mito del ritorno a un passato, ingiusto e barbaro, dominato da guerra e fanatismo, ma nel quale trovare le radici e la forza di una presunta identità.
Che fare? Non cedere al panico: stanno perdendo. Gli attentati mostruosi fiancheggiano altrettanti insuccessi: a Mosul, a Kobane, nei pressi di Racca. Bisogna fare presto: togliere ogni rifugio agli uomini del Daesh, cancellare questo mito del califfato, mostrare che non può esistere una terra amministrata dall’anti mondializzazione del terrore. Questa è una “guerra giusta”. Non serve che venga combattuta dagli occidentali, ma le potenze “democratiche” devono togliere le travi dai binari su cui si muove chi la combatte. Proprio ieri Kerry e Lavrov si sono incontrati per concordare una linea d’azione comune in Libia.Bene. C’è qualche segno persino in Arabia Saudita: qualcuno comincia a capire che non si può andare avanti con la predicazione wahhabita o pagando imam che come quello di Brest, che pretende dai bambini francesi che non ascoltino mai la musica, crusca del diavolo. E poi l’Iran, che l’orrore per la barbarie sunnita può spingere ad aprirsi. E la Turchia, dove Erdogan minaccia ancora curdi e diritti, ma ora apre alla Russia e si pente degli scambi armi-petrolio coi terroristi.
Difendere libertà e diritti. Soprattutto non diventare come loro. Non è buonismo, è l’unico approccio possibile, la medicina più efficace per disarmare l’autista del camion, gli amici di Salah o Coulibaly, quell’Omar Mateen che la strage l’ha fatta nella discoteca Pulse in Florida. Vi traduco un brano dell’appello lanciato da Abou Mohammed Al-Adnani nel settembre di due anni fa, quando questo siriano era portavoce del Daesh e “ministro per gli attentati”. “Se non potete far scoppiare una bomba o sparare, sbrigatevela voi, ritrovatevi da soli con un infedele francese o americano e fracassategli la testa con una pietra, ammazzatelo a coltellate, investite la sua auto, gettatela nel burrone, strangolatelo, avvelenatelo”. Ci sono in questo triste brano tre elementi. La convinzione (o la speranza) che noi non sopporteremo il sangue versato degli innocenti. La richiesta d’aiuto, disperata e ricattatoria (Al Adnani sa che Daesh è una formazione effimera), a ogni “fratello” che vive male la mondializzazione. L’offerta di un sogno: negare tutto, rinunciare a tutto, ribellarsi contro tutto e scegliere la morte. In una prospettiva brutale e barbara e perciò salvifica. Arrestarli, combatterli a morte, ma prima di tutto rispondere dicendo : noi non siamo così.

Commenti

commenti