La differenza sommaria tra rivoluzionario e ribelle sta nelle circostanze storiche. Rivoluzionario è titolo che esige una comunità di intenti, dallo stile di vita al programma. Comporta l’appartenenza a un insieme e alla sua disciplina. Ribelle può sussistere anche da solo, risponde a se stesso e a singole occasioni di ribellione. S’intende che questa distinzione vale per me e per il mio vocabolario.
Il rivoluzionario è stata la principale figura politica del 1900, secolo specializzato in rivoluzioni. Attraverso di esse è cambiata la geografia del mondo, rovesciando secoli di dominio coloniale, facendo sorgere nuovi Stati in tutti i continenti. Sono nate repubbliche da regni, libertà da tirannie. Con il 1900 si esaurisce la figura politica del rivoluzionario. Gli anni correnti l’hanno messa al bando. Si ammettono con fatica all’albo le rivoluzioni arabe del Mediterraneo. Si esalta Nelson Mandela censurando il suo passato di combattente rivoluzionario, capo dell’African National Congress, organizzazione armata clandestina dichiarata terrorista fino al 2008. Scaduta la parola rivoluzionario, la si sostituisce con minore responsabilità politica con il termine ribelle, dotato di ampio margine di sfumature. Ribelle è un figlio verso i genitori, uno studente verso un professore, un cuoco verso una tradizione culinaria e perfino un ciuffo di capelli. Ribelle connota più un carattere che un impegno. Implica in vari casi anche il verbo sfogare: lo sfogo di una ribellione qualsiasi.
Gioventù ribelle: se si cerca in Rete, la prima risposta identifica il titolo di un infelice videogioco. Scrivo queste righe in risposta alla domanda cosa significhi essere ribelle oggi. Qualunque sia il risultato della ricerca, lo considero una diffamazione dell’impegno civile, la sua riduzione a fallo di reazione.
Nelle molte resistenze popolari dentro il nostro Paese, dalla Valle di Susa alle trivellazioni petrolifere in Adriatico, non s’incontra il ribelle ma il tenace, non l’improvvisato ma il consapevole. Ribelle è una categoria personale, ognuno può esserlo stato anche a sua insaputa. Il presidente del Consiglio in carica ha agito da ribelle nel suo partito prima di assumerne la segreteria.
Scaduto il termine rivoluzionario, escludo la supplenza del generico ribelle. Oggi conta l’impegno civile cocciuto e condiviso.

Questo articolo continua su Left in edicola dal 13 agosto

 

SOMMARIO ACQUISTA

Commenti

commenti