In Europa vivono 10 milioni di turchi o forse più. In Germania sono quasi 4 milioni, quasi uno in Francia, mezzo milione rispettivamente nelle piccole Olanda e Austria. Sono tanti e non sono immigrati di questo secolo. Il contrario: in quei Paesi sono coevi dell’immigrazione italiana, spagnola, portoghese. Tra il 1959 e il 1969 diversi Paesi firmarono degli accordi con la Turchia per importare manodopera. Proprio per queste ragioni blaterare di turchi-musulmani-non europei come fa Matteo Salvini nel tweet qui sotto è una schiocchezza antistorica.

Proprio la frase di Salvini ci aiuta a leggere e capire cosa stia succedendo tra Turchia e Olanda.

Partiamo dai fatti.
La ricostruzione è rapida: il governo turco pianifica un referendum per modificare la natura parlamentare della repubblica e trasformarsi in presidenziale. L’idea di Erdogan è quella di attribuirsi nuovi poteri, eliminando la figura del Primo ministro e molte delle prerogative del Parlamento. I limiti al potere presidenziale sarebbero davvero pochi, non sarebbe, insomma, un presidenzialismo all’americana. E visto quanto capitato in Turchia dopo il tentato colpo di Stato militare, è normale che l’Europa e i governi nazionali europei si sentano preoccupati dalla deriva autoritaria presa da Erdogan.

Per promuovere il referendum, le autorità turche stanno spedendo ministri e politici a organizzare il voto degli emigranti in Europa. Proprio in occasione di un comizio previsto per lo scorso weekend a Rotterdam due, le autorità olandesi hanno impedito l’ingresso di ministri turchi nel Paese. Le versioni divergono ed è certo che la polizia olandese ha fatto in modo che il ministro degli Esteri Cavusoglu non entrasse nella sede del consolato a Rotterdam – che tra le altre cose è uno dei luoghi in cui il Pvv di Geert Wilders rischia di prendere più voti nel voto di mercoledì. I seguaci di Erdogan sono scesi in piazza in Olanda per protestare contro un comportamento che non è consono dal punto di vista delle relazioni tra Paesi, il presidente turco ha dato dei nazisti agli olandesi e questi si sono infuriati. Poi la Germania, l’Austria, la Danimarca e la Svezia hanno in qualche forma vietato comizi pro Erdogan nel loro Paese. Non la Francia. Le ragioni addotte sono i rischi per la sicurezza e, dopo che Erdogan ha usato quei toni estremi contro l’Olanda e minacciato ritorsioni, anche una reazione “europea” (le dichiarazioni sono molte, da Schäuble in giù).

La crisi e i suoi attori.
Probabilmente possiamo definirla una crisi scatenata da atteggiamenti populisti di governi al potere. Erdogan promuove un referendum e da mesi foraggia la propria opinione pubblica con discorsi contro qualche nemico, interno o esterno: i curdi, i russi (ora non più), l’Europa, i golpisti. Toni sopra le righe, minacce. In più, in una fase difficile per l’Europa, la Turchia sceglie di fare comizi destinati ad acuire le tensioni e a fornire argomenti alla destra populista e xenofoba. Il premier olandese Rutte, alle prese con una difficile campagna elettorale all’inseguimento del Pvv dei Geert Wilders, coglie la palla al balzo e vietando i comizi e alimentando l’escalation con Ankara, diventa un difensore dei valori occidentali e individua un nemico esterno – e anche un po’ interno, visto che i turchi immigrati hanno manifestato in Olanda. E contende così a Wilders lo scettro della destra nazionale e anti islamica. La crisi, potrebbe insomma favorire i liberal-conservatori alla guida del Paese e il loro giovane leader. Oppure no: perché votare Rutte se c’è l’originale anti-islamico sulla scheda? Questo lo vedremo mercoledì sera.

Il punto
Il punto, insomma, è questo: il populismo xenofobo che attraversa l’Europa vince anche se non è al potere, dettando l’agenda politica ai governi. E ciascun populismo, compreso quello autoritario di Erdogan, si alimenta di toni estremi e nell’individuare un nemico: succede così che il leader leghista gongoli nel potersi schierare contro Ankara e gli islamisti, Rutte approfitta della crisi e così via. È un paradosso perché parallelamente, la Lega, il Front National, il Pvv intrattengono rapporto con la Russia di Putin, che a sua volta converge su molte cose con Erdogan.
Non è il solo paradosso perché, i partiti che gridano all’invasione islamica sanno bene che il loro alleato turco de facto è quello che in questo momento ha le chiavi dell’ingresso di centinaia di siriani nella Ue. Per non farli partire riceve soldi da Bruxelles grazie a un accordo scellerato che viola le convenzioni internazionali – soldi in cambio di frontiere chiuse. I partiti della destra xenofoba sono contrari anche a quell’accordo, che con i turchi manco ci si dovrebbe parlare perché…sono turchi. Certo, se l’accordo saltasse arriverebbero più rifugiati siriani e i partiti populisti avrebbero un argomento in più sul quale strepitare.
Contro l’immigrazione e contro i patti per tenere fuori i rifugiati siriani, contro Erdogan, ma amici di Putin, difensori dei valori occidentali che violano le regole della diplomazia internazionale come regimi autoritari qualsiasi. Vi sembra illogico?

E veniamo all’ultimo punto: non cercare coerenza e un filo logico nei comportamenti dei leader populisti. Si può essere molte cose allo stesso tempo, basta urlare forte, indicare dei nemici e dei pericoli contro cui scagliarsi e non offrire ricette per risolverli che non siano slogan buoni per raggranellare consensi. Che si tratti di ruspe, muri di confine, dispute contro un Paese straniero, il risultato non cambia.

Commenti

commenti