Non ne poteva più, Stella, degli ammiratori estasiati – e talvolta improbabili – di David Bowie. Non ne poteva più delle decine di nomignoli affibbiati Ziggy, Duca Bianco, re dei folletti – e nemmeno dei fiumi di commenti e post sui social network. E allora la protagonista di questo inedito romanzo illustrato si è trovata un «passatempo alquanto insensato»: staccare la carta da parati dai muri di camera sua. In quel momento, la visione: gli occhi di Mister Coltello le appaiono tra le forme che scopre tra gli strati. «E senza parlare, solo con la luce del loro sguardo assurdo mi sussurravano: “Entra Stella, sprofonda, precipita dentro di noi”». E allora, come una Alice nel Paese delle meraviglie stile pop,  Stella si tuffa negli occhi del cantautore britannico.

È proprio da questo tuffo che prende forma la fiaba Nel paese di Mister Coltello. Le parole di Federica Iacobelli – attraverso il suo alter ego Stella – e il tratto di Leonard, ci accompagnano dentro la vita di David Bowie, tra storia e leggenda, tessendo aneddoti e fatti, attraverso tratti colorati e note conosciute ai più.

Ecco sei tavole, in anteprima su Left, del lavoro in uscita oggi, lunedì 20 marzo per la neonata Les Mots Libres.

Federica Iacobelli costruisce una fiaba elegante e surreale. Un testo dallo stile efficace e suggestivo, grazie al quale anche chi legge, spogliandosi da ogni preconcetto e immedesimandosi nella sete di conoscenza di Stella, riesce a entrare nella vita dell’artista avvicinandolo con occhi nuovi. Una lettura nella quale Left, ne consiglia vivamente di immergersi, se amate l’artista dalle mille facce.

Commenti

commenti