Condividi

A un anno dalla strage di Bruxelles, Londra viene colpita da un attacco terroristico. Non sappiamo di che matrice ma ne conosciamo la dinamica: un uomo ha ferito con un coltello un poliziotto nei pressi di Westminster – ed è stato a sua volta ucciso dalla polizia – la stessa persona aveva guidato lungo il ponte che porta all’edificio del Parlamento lanciando l’auto contro i pedoni ferendo i passanti che non sono riusciti a gettarsi nel Tamigi. Gli ospedali parlano di una donna morta e di diversi feriti molto gravi. Una dozzina. La polizia ha dato conferma di un secondo decesso, non è chiaro se si tratti di uno dei tre poliziotti feriti o meno.

Giunto alla staccionata che circonda Westminster, l’uomo è sceso ed ha accoltellato un agente. Questa almeno sembra essere la dinamica, ma diverse testimonianze e media parlano di due persone nell’auto. La persona colpita dalle armi da fuoco sarebbe quella nella foto qui sotto. Che di attentatore islamico si tratti si può supporre pensando alla dinamica simile ad attacchi recenti, a Nizza e a Berlino, e dal tipo di barba che la persona porta.

Diverse testimonianze parlano di due attentatori, uno è la persona qui sotto, l’altro sarebbe un bianco calvo. I due sarebbero stati visti nell’auto in corsa assieme.

Le Camere dei Lords e dei Comuni vengono ispezionate dalle forze di sicurezza. La seduta in corso ai Comuni è stata sospesa, deputati e giornalisti sono rimasti chiusi nell’edificio. La polizia ha dispiegato agenti attorno al perimetro e anche in altre aree della città. Una donna è stata ripescata viva dal Tamigi.

 

Un testimone racconta la vicenda così alla Bbc: «Ho visto un uomo tarchiato in abiti neri venire verso le porte della New Palace Yard, appena sotto il Big Ben. Aveva qualcosa in mano, sembrava un bastone di qualche tipo, ed è stato affrontato da un paio di poliziotti in giacca gialla. Uno di loro si è accasciato e ho visto l’uomo colpirlo (o accoltellarlo). L’altro poliziotto ha soccorso il primo e l’uomo in nero si è diretto verso l’ingresso dell’edificio. Due persone in borghese e armate gli hanno urlato qualcosa che sembrava essere un avvertimento, che questi ha ignorato – e, poi, gli hanno sparato tre colpi».

Come è ormai abitudine, in rete circolano video e foto dell’accaduto.
Compresa la foto di un signore che si fa un selfie. La polizia ha chiesto di non diffondere foto dei feriti e, semmai, nel caso si abbiamo filmati dell’attacco, di farli pervenire agli inquirenti.

 

 

Commenti

commenti

Condividi