Zerocalcare lo ha scritto su facebook. E’ morta Ayse, la ragazza con il cappuccio rosso e la sciarpa che ha ispirato la sua serie Kobane Calling, un reportage in forma grafica pubblicata nel 2015 su Internazionale.

Il fumettista romano l’aveva conosciuta durante i suoi viaggi in Turchia, Iraq e Siria.  Anche attraverso la sua testimonianaza aveva potuto raccontare la resistenza curda. La guerrigliera è morta a Raqqa combattendo l’Isis. Era una ragazza turca, si chiamava Ayse Deniz Karacagil e si era unita ai combattenti curdi dopo essere stata condannata per aver partecipato alle proteste di Gezi Park nel 2013. Il suo nome di battaglia, aveva raccontato Zerocalcare nel suo fumetto, era Cappuccio Rosso. Era questo il suo nome di battaglia. La giovane secondo quanto riportano i canali di informazione curdi e turchi sarebbe morta vicino al confine tra la Turchia e la Siria, martedì mattina.

Ayşe Deniz Karacagil, militante di sinistra, proveniente da Antalya in Turchia, poco più che ventenne era stata arrestata durante le proteste di Gezi Park. Dopo una condanna a 103 anni di carcere nel 2014, “aveva preso la via per le montagne”, come si dice in gergo di chi aderisce alle milizie curde dello Ypg impegnate nella campagna contro Isis. In particolare Deniz si era unita allo Ypj, divisione femminile delle milizie curde, impegnata al pari degli uomini nella liberazione di Raqqa, la capitale dello Stato islamico e nella difesa della regione autonoma del Rojava.

Cappuccio Rosso_Kobane Calling Zerocalcare

Commenti

commenti