Nessun accordo raggiunto per Cipro, l’isola divisa a metà da oltre quarant’anni. Chi sperava nella riunificazione, come i residenti, molti turchi e greci, e tutti i membri della delegazione coinvolta, rimarranno delusi.

In Svizzera, dove si teneva il meeting per trovare una soluzione per la riunificazione dell’isola mediterranea, gli accordi sono falliti questa mattina molto presto tra il presidente dei greci ciprioti Nicos Anastasiades e il leader dei turchi ciprioti Mustafa Akinci, proprio come non sono stati trovati negli anni precedenti, a partire dal lontano 1974.

I diplomatici hanno riferito che i turchi erano pronti a concedere troppo poco alla comunità greca che richiedeva il ritiro totale delle truppe di Ankara dall’isola, mentre i greci ciprioti erano disponibili a rispondere alle richieste turche sulla rotazione alla presidenza, altra questione chiave per la riunificazione.

Antonio Guterres, segretario generale ONU, ha dichiarato in conferenza stampa: «Sono molto triste nel comunicarvi che, nonostante il forte impegno e coinvolgimento, con le delegazioni di diversi partiti, la conferenza su Cipro è terminata senza raggiungere alcun risultato». Guterres ora è atteso per un ‘incontro con Trump per il G20 ad Amburgo.

Commenti

commenti