Condividi

“Vendere droga da oggi è legale se sei disoccupato! Lo affermano i Giudici del Tribunale del Riesame di Milano! Condividi se sei indignato!!!”

E poi.

«Il pusher rimesso in libertà: “Si mantiene con lo spaccio”» titola quel quotidiano buono per incartare il pesce che sulle bufale e sul terrorismo si mantiene in vita.

E poi.

“Spaccia droga per necessità”

E alla fine, ovviamente, con il tempismo delle mosche arriva lui: «Roba da matti. Un immigrato del Gambia, con precedenti penali, beccato a spacciare morte, è stato scarcerato perché per i giudici del tribunale di Milano: “Vendere droga è la sua sola fonte di sostentamento”. Poverino…» ha twittato il ministro dell’inferno Salvini.

Ma davvero c’è uno spacciatore che è stato assolto e scarcerato in giro per Milano, graziato dal fatto che spacciare sia il suo unico sostentamento economico? No, ça va sans dire.

C’è un presunto spacciatore che è stato fermato con cinque pastiglie in tasca (e quindi nemmeno in flagranza di reato come scrive qualcuno). C’è un Tribunale del Riesame che ha valutato l’opportunità di tenerlo in carcere in attesa di giudizio. Avete letto bene: quest’uomo non è ancora stato giudicato. E, spiace dirlo a qualcuno che non se n’è ancora reso conto, non valgono Facebook e Twitter come giurie popolari (anche perché altrimenti Berlusconi sarebbe diventato Mandela, in tempi piuttosto recenti). La carcerazione preventiva è possibile solo se ci sono i presupposti stabiliti dalla legge e non è un vezzo del giudice di turno. Quando i giudici scrivono che il reo non ha nessuna fonte legale di reddito lo scrivono per avvalorare l’accusa, mica la difesa. Ci sarà un processo che accerterà le responsabilità e, nel caso, emetterà sentenza di condanna.

Ci sono però alcuni particolari su cui soffermarsi: il dibattito a cui avete assistito è spazzatura, le informazioni che vi hanno dato sono volutamente incomplete se non addirittura false.

E poi.

Salvini ci si è buttato perché il reo è gambiano. Come al solito. Ma Salvini è ministro dell’Interno, al governo, addirittura vicepremier: ogni volta che Salvini twitta indignato una presunta schifezza italiana sta rubando tempo a se stesso che è profumatamente pagato per studiarla e risolverla.

E infine: Salvini non ha rimesso in libertà il principale imputato del furto di 49 milioni di euro. Ha fatto di peggio: Umberto Bossi se l’è portato in Senato e si prepara a cambiare il nome al proprio partito per non restituire il malloppo. Vicepremier del governo finge di avere perso i documenti per passarla liscia, è finita la pacchia!, scriverebbe lui.

Buon lunedì.

Commenti

commenti

Condividi