Condividi

Qual è il voto utile per le prossime europee? E utile a chi e a che cosa? E, ancora prima, c’è un voto utile? Da quando sono finiti in soffitta i voti dati per identità – personale, di classe o addirittura di famiglia – l’affanno è chiedersi ogni volta come usare il proprio voto.

Sarà bene sapere che chi si è molto dato da fare per porre termine ai voti identitari è altrettanto impegnato nel “vendere” ogni volta la motivazione più adatta, o alla moda. Soprattutto se uno pensa, come chi comanda oggi, che ormai la Storia sia finita e il pensiero sia – in fondo – unico, perché unico è il modello sociale possibile. Così, il gioco delle motivazioni diviene una sorta di marketing o gioco di ruolo. Ma sarà altrettanto bene sapere che dietro questa sorta di fiction c’è una realtà che resta purtroppo intrisa di lacrime e sangue. Seguire queste lacrime e questo sangue, e magari anche qualche voglia di ridere in faccia al “re nudo”, è una buona guida al voto.

Infatti il primo problema è che si è persa la connessione con la propria condizione, o tra essa e le sue cause, e cioè la politica. Magari non ovunque e non per chiunque, e c’è anche da chiedersi perché. Capita ad esempio ch… 

L’articolo di Roberto Musacchio prosegue su Left in edicola dal 10 maggio 2019


SOMMARIO ACQUISTA

Commenti

commenti

Condividi