Condividi

Cari amici (si usa così dalle vostre parti) che avete votato con molto trasporto la candidata presidente della Lega Lucia Borgonzoni, ho una notizia da darvi. Innanzitutto, non so se lo sapete, non avete votato Salvini anche se avete visto Salvini dappertutto, la candidata era un’altra, quella che ora è responsabile per la cultura nella Lega. So che la parola cultura associata a Lega vi mette i brividi. Infatti la nomina è arrivata dopo per non indispettirvi.

Comunque, vi avevano detto che la Lega avrebbe liberato l’Emilia Romagna, vi è andata male, e vabbè, capita. Ma vi avevano anche detto che la Borgonzoni sarebbe rimasta comunque a fare opposizione in consiglio regionale nel caso in cui non avesse vinto? Ve lo ricordate? Del resto non c’è niente di più triste di quelli che partecipano alle elezioni solo se vincono, no?

Bene, vi hanno mentito. La Borgonzoni rimane a Roma. Ciao ciao. Bacioni, come si usa dalle vostre parti. Continua a fare la parlamentare con il suo lauto stipendio e con tutti i giornalisti a disposizione: non vorrete che si sporchi con il lavoro del consiglio regionale che non interessa quasi a nessuno, no?

E badate bene: non l’ha mica deciso lei. No, no. L’ha deciso il gran visir Salvini che ha detto che si era sbagliato e che la preferisce a Roma. E lei, ovviamente, ubbidisce: non sia mai che rischi di dare un’idea di donna determinata, no?

In pratica: se non si vince si abbandona il territorio, come nelle migliori tradizioni dei viziatelli che si portano a casa il pallone.

Però in tutto questo c’è anche un segnale positivo e significativo: la Borgonzoni è quella che si vantava di non avere letto un libro negli ultimi tre anni quando era sottosegretaria alla Cultura. E grazie alle sue competenze è diventata responsabile per la cultura nella Lega e candidata alla presidenza dell’Emilia Romagna. La buona notizia è questa: se avete letto tutto questo articolo avete già più competenze di lei. Fatevi avanti!

Buon martedì.

Commenti

commenti

Condividi