L'allevamento degli schiavi ha finalmente ricevuto una bella spinta e infatti mica per niente Confindustria e compagnia cantante insistono nel dirci che il futuro sarà bellissimo. Sì, per loro.

Lo scorso 4 luglio 152 lavoratori sono stati licenziati a fine turno nel pomeriggio con una mail. Come arrivano le offerte promozionali di vini e di abbigliamento è arrivata la comunicazione che ha rovinato la vita alle persone, con la stessa leggerezza, con la stessa poca responsabilità. È accaduto a Ceriano Laghetto, in provincia di Monza e Brianza, nella storica fabbrica di Gianetti Ruote, che produce ruote di acciaio, dove il fondo americano Quantum Capital Partner, proprietario dell’azienda, ha giustificato questa decisione inaspettata con la crisi perdurante dello stabilimento aggravatasi nei mesi di pandemia.

Come c’era da aspettarsi tutto è arrivato poche ore dopo lo sblocco dei licenziamenti voluto dal governo dei migliori, gli stessi che ci assicuravano (e assicurano ancora) che sarebbe andato tutto bene. Ora la situazione è la seguente: gli anziani temono di non riuscire più a ricollocarsi e i giovani non hanno idea di come riuscire a pagare mutuo e spese della famiglia. Vi ricordate cosa diceva Draghi, tutto festante? Comunicava un accordo con Confindustria secondo il quale sarebbe stato “consigliato” utilizzare tutti gli ammortizzatori sociali a disposizione prima di procedere ai licenziamenti. E pensate un po’? L’azienda è associata proprio a Confindustria.

Si sarebbe potuto pensare allo sblocco dei licenziamenti dopo avere programmato un serio piano di ammortizzatori sociali per evitare la macelleria sociale e invece il piano è perfettamente riuscito: si potrà licenziare con grande serenità i lavoratori per poi riassumerli con nuovi contratti con meno garanzie e con stipendi più bassi. L’allevamento degli schiavi può finalmente ricevere una spinta e infatti mica per niente Confindustria e compagnia cantante insistono nel dirci che il futuro sarà bellissimo. Sì, per loro.

La notizia, com’era prevedibile, non ha riempito le pagine dei giornali ma è passata molto sotto traccia (ieri c’è stato un presidio davanti all’azienda ma eravamo tutti concentrati con Renzi che pretende una diretta Instagram con Chiara Ferragni). Del resto siamo nel Paese che ancora insiste nel dirci che la colpa dei disoccupati sta nella loro mancanza di voglia di lavorare.

Questa è solo la prima avvisaglia e la notizia la appoggiamo qui. Così sarà facile ritrovarla quando non si potrà più nascondere la situazione e tutti fingeranno di essere stati colti di sorpresa.

Buon mercoledì.