L’agenzia viene battuta nel tardo pomeriggio e lascia pochi dubbi:

= FI: in Sicilia siglato accordo politico con Italia Viva = AGI0494 3 POL 0 R01 / = FI: in Sicilia siglato accordo politico con Italia Viva = (AGI) – – “Oggi sigliamo un accordo politico forte, stretto e serio tra Sicilia futura-IV e Forza Italia”.

L’alleanza tra il forzista Micciché e Matteo Renzi diventa ufficiale in previsione delle prossime elezioni comunali a Palermo e le elezioni regionali siciliane. In un mese i due hanno coronato il loro sogno: a settembre Matteo Renzi era in tour in Sicilia per promuovere il suo libro (ovvio) e c’è stato il primo incontro. Poi la cena con menu di ravioli mascarpone e bottarga, agnello dei monti lucani e biscotto di paprika dolce all’enoteca Pinchiorri. «Vogliamo far prevalere l’impostazione moderata e centrista, evitare gli eccessi sovranisti e populisti» ha detto il capogruppo regionale renziano Nicola D’Agostino. Si parte con un “intergruppo” di 15 parlamentari e poi liste uniche per amministrative e Regionali. Del resto bastava buttare l’occhio sul programma della “Leopoldina siciliana” (giuro, si chiama così) ovvero la scuola politica organizzata dal senatore renziano e siciliano Davide Faraone con Mara Carfagna e Giancarlo Giorgetti per farsi un’idea.

Da Italia Viva fanno sapere che si parla «solo di un’intesa locale», peccato che siano gli stessi che pochi mesi fa dicevano “noi con Forza Italia mai e poi mai” e poi si buttavano in grasse risate. E siamo arrivati fin qui.

Per carità, che Matteo Renzi (insieme a Calenda) sogni di formare in Italia un polo liberale che penda verso il centrodestra è un’idea legittima e forse nemmeno poi così male. Ci sono alcuni passaggi da segnalare: parliamo di quello stesso politico (lui e i suoi sfegatati fan) che ancora fino a ieri insisteva di essere “più a sinistra” della sinistra. Parliamo di quello che per un enorme fraintendimento e lassismo generale ha guidato il principale partito di centrosinistra italiano. Stiamo parlando di un’orda spesso fanatica che fino a ieri pomeriggio definiva “invenzioni” gli abboccamenti tra Renzi e il partito di Berlusconi. Insomma ci sono anni di simulazione antisportiva che ogni volta che veniva segnalata accendeva un putiferio. Ecco ora si sa che il putiferio era cretino.

In fondo che sia finalmente sbocciata Forza Italia Viva è un bene per chiarire le posizioni in campo. È andata come è andata. Anzi, è andata come si sapeva che sarebbe andata. Lo sapevano tutti, tranne i fan di Italia Viva.

Buon mercoledì.

 

🆙  Bastano pochi click!

🔴  Clicca sull’immagine oppure segui questo link > https://left.it/abbonamenti

—> Se vuoi regalare un abbonamento digitale, vai sull’opzione da 117 euro e inserisci, oltre ai tuoi dati, nome, cognome e indirizzo mail del destinatario <—