Come racconta il giornalista Lorenzo Tondo su The Guardian alle donne trans in Ucraina viene negato il passaggio in Paesi più sicuri, nonostante il loro status legale di donne e il pericolo rappresentato dalle politiche transfobiche della Russia. Al The Guardian Judis, una donna transgender il cui certificato di nascita la definisce femmina, racconta che […]

Come racconta il giornalista Lorenzo Tondo su The Guardian alle donne trans in Ucraina viene negato il passaggio in Paesi più sicuri, nonostante il loro status legale di donne e il pericolo rappresentato dalle politiche transfobiche della Russia.

Al The Guardian Judis, una donna transgender il cui certificato di nascita la definisce femmina, racconta che  il 12 marzo verso le 4 del mattino, dopo una lunga e umiliante ricerca, le guardie di frontiera hanno stabilito che fosse un uomo e le hanno impedito il passaggio in Polonia. «Le guardie di frontiera ucraine ti spogliano e ti toccano ovunque», dice Judis. «Puoi vedere sui loro volti che si stanno chiedendo ‘cosa sei?’ come se fossi una specie di animale o qualcosa del genere».

Quando l’Ucraina ha imposto la legge marziale il 24 febbraio, a tutti gli uomini di età compresa tra i 18 ei 60 anni è stato vietato di lasciare il Paese. Da allora, si stima che centinaia di trans ucraini abbiano tentato di attraversare il confine. Al Guardian è stato riferito da attivisti e operatori umanitari che, nonostante il loro status legale di donne, dozzine sono state maltrattate e respinte ai confini, con molte che temono per la propria vita nel caso in cui il regime transfobico della Russia prendesse il sopravvento.

Secondo la International lesbian, gay, bisexual, trans and intersex Association, l’Ucraina è al 39° posto su 49 Paesi europei per il trattamento complessivo delle persone LGBTQ+. I matrimoni gay non sono consentiti nel Paese, la Chiesa cristiano-ortodossa considera l’omosessualità un peccato e non esistono leggi antidiscriminatorie a tutela delle persone LGBTQ+.

Dal 2017, le persone trans in Ucraina sono state legalmente riconosciute, ma devono essere sottoposte a un’ampia osservazione psichiatrica e a un lungo processo burocratico prima che il loro genere possa riflettersi sui documenti formali. Coinvolti in questo complesso processo, migliaia di trans ucraini non avevano alcun documento di identità personale o certificato quando è scoppiata la guerra.

Alice, 24 anni, una donna trans di Brovary, una cittadina vicino a Kiev, ha raccontato un’esperienza simile. Lei e sua moglie, Helen, una 21enne che si identifica come non binaria, sono state fermate dalle guardie di frontiera durante un tentativo di entrare in Polonia. «Ci hanno portato in un edificio vicino al valico di frontiera», racconta Alice. «C’erano tre agenti nella stanza. Ci hanno detto di toglierci le giacche. Ci hanno controllato le mani, le braccia, il collo per vedere se avevo un pomo d’Adamo. Mi hanno toccato il seno. Dopo averci esaminato, le guardie di frontiera ci hanno detto che eravamo uomini. Abbiamo cercato di spiegare la nostra situazione, ma a loro non importava».

Pochi giorni prima dell’invasione, l’ambasciatrice statunitense alle Nazioni Unite, Bathsheba Nell Crocker, ha avvertito in una lettera del piano della Russia di continuare le violazioni dei diritti umani nelle parti dell’Ucraina che già occupa. «Questi atti (uccisioni, rapimenti/sparizioni forzate, detenzioni ingiuste e uso della tortura) prenderebbero probabilmente di mira coloro che si oppongono alle azioni russe, comprese le popolazioni vulnerabili come le minoranze religiose ed etniche e le persone LGBTQI+», ha scritto Crocker.

Salvare tutti, ripetono i leader del mondo in questi giorni. Sì, ma tutti.

Buon mercoledì.

Nella foto: Trans march, Kiev, 22 maggio 2021

Autore, attore, scrittore, politicamente attivo. Racconto storie, sul palcoscenico, su carte e su schermo e cerco di tenere allenato il muscolo della curiosità. Quando alcuni mafiosi mi hanno dato dello “scassaminchia” ho deciso di aggiungerlo alle referenze.