La Missione conoscitiva indipendente delle Nazioni Unite sulla Libia ha pubblicato un nuovo rapporto in cui riafferma i rapporti precedenti che evidenziavano gravi crimini contro l’umanità perpetrati nella Libia dilaniata dalla guerra. Ha specificato che le donne migranti sono spesso costrette a subire alcuni degli abusi più gravi. Il rapporto afferma che “la missione ha ragionevoli […]

La Missione conoscitiva indipendente delle Nazioni Unite sulla Libia ha pubblicato un nuovo rapporto in cui riafferma i rapporti precedenti che evidenziavano gravi crimini contro l’umanità perpetrati nella Libia dilaniata dalla guerra. Ha specificato che le donne migranti sono spesso costrette a subire alcuni degli abusi più gravi.

Il rapporto afferma che “la missione ha ragionevoli motivi per ritenere che i crimini contro l’umanità di omicidio, tortura, detenzione, stupro, sparizione forzata e altri atti disumani siano stati commessi in diversi luoghi di detenzione in Libia dal 2016”.

Autorità, trafficanti di esseri umani e altri agenti trattengono regolarmente i migranti in Libia, che è diventato un importante punto di partenza per decine di migliaia di persone – che provengono principalmente dall’Africa subsahariana – che tentano di raggiungere l’Europa. I funzionari, tuttavia, continuano a negare davanti al mondo.

Il generale senso di anarchia che regna nel Paese da quando il sovrano libico Moammar Gheddhafi è stato rovesciato e ucciso nel 2011 è diventato una fonte di opportunità e profitto per i trafficanti di esseri umani organizzati.

Secondo il rapporto della missione conoscitiva, in Libia ci sono prove sostanziali che dimostrano che migranti e rifugiati sono sistematicamente esposti a “detenzioni arbitrarie prolungate”. Ciò include l’ abuso sessuale e la tortura dei bambini .

Gli inquirenti che hanno redatto il rapporto dopo aver compiuto numerosi viaggi in Libia, hanno dettagliato “atti di omicidio, tortura, stupro e altri atti disumani”, a cui sono sottoposti i migranti tenuti in cattività. Il rapporto sottolinea tra l’altro l’uso comune della “violenza sessuale per mano di trafficanti e trafficanti, spesso con l’obiettivo di estorcere denaro alle famiglie”.

“La missione ha anche documentato casi di stupro in luoghi di detenzione o prigionia in cui le donne migranti sono costrette a fare sesso per sopravvivere, in cambio di cibo o altri beni essenziali”, afferma il documento.

Il rapporto aggiunge che molte ragazze e donne migranti sono persino consapevoli del rischio di essere esposte a violenze sessuali, tanto che “alcune donne e ragazze migranti si mettono un impianto contraccettivo prima di recarsi lì per evitare gravidanze indesiderate a causa di tali violenza.”

Gli investigatori citano esempi di violenti abusi sui migranti in Libia nel loro rapporto; questi vanno da una donna che descrive in dettaglio come “i suoi rapitori hanno chiesto sesso in cambio dell’accesso all’acqua” a esecuzioni sommarie di persone scaricate in dozzine di fosse comuni.

La missione conoscitiva delle Nazioni Unite in Libia, creata dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite (Ohchr) nel giugno 2020, vedrà scadere il suo mandato tra pochi giorni.

Tuttavia, diversi Paesi africani hanno presentato al consiglio una bozza di risoluzione per consentirle di continuare per altri nove mesi, poiché la situazione in Libia continua ad essere instabile e altamente pericolosa.

Mohammad Aujjar, presidente della Missione conoscitiva in Libia, afferma che “la Missione ha denunciato gravi violazioni del diritto internazionale dei diritti umani e del diritto internazionale umanitario, alcune delle quali equivalgono a crimini contro l’umanità e crimini di guerra”.

La missione ha anche redatto un elenco di individui e gruppi ritenuti responsabili di alcuni di questi crimini, ma per il momento lo mantiene riservato.

“L’obiettivo è porre fine all’impunità prevalente di fronte a schemi chiari e persistenti di gravi violazioni dei diritti umani, in molti casi perpetrati da gruppi di milizie”, ha aggiunto Aujjar.

“Ora più che mai, il popolo libico ha bisogno di un forte impegno per aiutarlo a portare pace e giustizia durature nel suo Paese e per stabilire uno stato basato sullo stato di diritto e sui diritti umani”.

Buon venerdì.

Autore, attore, scrittore, politicamente attivo. Racconto storie, sul palcoscenico, su carte e su schermo e cerco di tenere allenato il muscolo della curiosità. Quando alcuni mafiosi mi hanno dato dello “scassaminchia” ho deciso di aggiungerlo alle referenze.