Odifreddi: «Laicità, ricerca e pace sono le parole chiave per costruire un futuro più giusto»

« Bergoglio è un gesuita peronista non un progressista. Basta vedere le battaglie che conduce con Meloni sulla natalità, in piena sintonia con la destra europea», dice il matematico Piergiorgio Odifreddi, candidato della lista Pace, terra e dignità. Lunedì 27 presenta il suo nuovo libro "C'è del marcio in Occidente" nelle sede dell'Università di Torino occupata dagli studenti dell’intifada torinese

Matteotti, Gobetti, Pertini e la costruzione di un fronte ampio contro il fascismo

«Se quel progetto di unità antifascista si fosse realizzato, la storia d’Italia sarebbe stata profondamente diversa», scrive il magistrato e scrittore nella prefazione al libro di Gobetti su Matteotti pubblicato da Futura editrice. Il 27 maggio a Roma la presentazione del volume insieme a "La scuola di Mattetotti" di Alberto Aghemo. Con gli autori intervengono Miguel Gotor e Natale Di Cola, modera Simona Maggiorelli

Uno spettro si aggira per l’Europa: il negazionismo climatico delle destre

Geert Wilders in Olanda, Marine Le Pen in Francia, Giorgia Meloni e Matteo Salvini in Italia, Alice Weidel in Germania hanno nel mirino un nemico comune: il Green deal europeo. L'Italia insieme all'Ungheria di Orban si è già opposta al piano delle "case green". Un fronte reazionario che contesta l'evidenza scientifica delle cause antropiche dell'emergenza climatica, nonostante l'aumento delle calamità naturali

IN EDICOLA

poesia visiva di Giovanni Fontana

Il pre-testo di Giovanni Fontana per mettere il pubblico al centro della creazione

"Come nel jazz lavoro su una struttura armonica e una melodia di base su cui si innesta l’improvvisazione", racconta questo straordinario maestro di poesia sonora, che il 25 maggio riceve il premio Pagliarani alla carriera

Così in Italia muore il diritto di cronaca

Tre cronisti ieri a Roma che seguivano la protesta degli attivisti di Ultima generazione sono stati fermati, poi identificati, quindi perquisiti e infine trasferiti di fretta con una volante della Polizia al commissariato dove sono stati rinchiusi per due ore. Tutto questo ha un nome preciso: censura preventiva

Indagine sull’autonomia differenziata: al Sud l’80% è contrario

Il rapporto di Fondazione con il Sud e Demopolis documenta due visioni del Paese nettamente opposte su sanità e servizi pubblici il cui divario aumenterà, secondo il sondaggio, con il via libera al ddl Calderoli. Lo studio evidenzia anche la delusione, condivisa sia a Nord che a Sud, rispetto all'impatto del Pnrr

A Gaza colpiti 31 ospedali su 36

L’Oms (non Hamas) ha registrato un totale di 890 attacchi a strutture sanitarie, di cui 443 a Gaza e 447 in Cisgiordania: “Tra quelli distrutti c’è l’ospedale Al-Shifa, il più grande complesso medico della Striscia, che rimane oggi completamente fuori servizio”.

«Mettere il rossetto al maiale»

Per i giudici britannici dell’Alta Corte, Assange ha il diritto di fare appello contro l'estradizione negli Usa dove il fondatore di WikiLeaks rischia 175 anni di carcere per avere svelato al mondo notizie che il potere avrebbe voluto omettere. La moglie Stella ieri ha detto che gli Usa vorrebbero “mettere il rossetto al maiale” per rendere potabile un gioco sporco

Mimmo Lucano: «Porterò in Europa l’utopia concreta di Riace»

«Aspettavo parole che mi restituissero giustizia», ha detto l'ex sindaco di Riace dopo che i giudici di appello di Reggio Calabria hanno riabilitato il suo modello di accoglienza dei migranti. Una lunga odissea di cui Lucano, candidato alle Europee, parla in questa intervista e il 21 maggio alla Villetta a Roma, alle 18, in dialogo con Massimiliano Smeriglio e Marilena Grassadonia, Amedeo Ciaccheri e Andrea Costa moderati da Left

Cala la produzione industriale, aumentano le ore di Cig. E il governo tace

In questo momento la tenuta del Prodotto interno lordo del Paese è sostenuta, in sostanza, dal solo turismo e dai servizi. Lo dimostrano i dati del Centro studi di Confindustria. Per un Paese industriale come il nostro questo fatto dovrebbe far suonare forte l’allarme in tutto l’universo politico. Ma non è così

Quale modello di Europa vorrebbe l’estrema destra, Meloni getta la maschera

«Vogliamo cambiare l'Europa», dice la presidente del Consiglio. Insieme a Salvini. E Il problema è che a parlare di Europa, proponendo linee di cambiamento pericolose, sono politici che non hanno accolto la lezione di Spinelli e di Ventotene e non accettano le radici antifasciste della Ue