recensione

A Caracalla Turandot “non esiste”

Al regista Denis Krief, alla sua sesta Turandot, le idee non mancano, e se i movimenti scenici non sono interessanti, le scenografie contengono riferimenti di ogni tipo, dalla Cina degli anni 80 alle avanguardie coeve di Puccini, alla commedia dell'arte e altro ancora. La recensione dello spettacolo in scena alle Terme di Caracalla fino all' 8 agosto.

Sarà il mio tipo? e il regista francese Lucas Belvaux ti reinventa la commedia sentimentale

Lei crede nell’amore e nell’immediatezza, lui nel libero arbitrio e nella critica del giudizio. Tra i due si accende un conflitto, assolutamente imperdibile, i cui temi sono ceto sociale, milieu, cultura di appartenenza, progettualità esistenziale. I protagonisti parlano molto, negoziano le loro posizioni, o perlomeno ci provano, fino al salto di qualità conclusivo. Non sempre chi è accanto a noi, è realmente presente.