Nella sua camera, nella febbricitante bianca luce artificiale, nella camera cosparsa di carta e libri, scrive alla sua scrivania, scrive a Peter e a Penn, e la pioggia picchietta sul vetro della finestra, la pioggia imperla il vetro della sua finestra e rotola via dolcemente come lacrime…

Jack Kerouac, La città e la metropoli

 

Jack Kerouac nasce nel 1922 in Massachusetts da una famiglia franco canadese di origine bretone. È molto precoce, tanto che a soli 11 anni scrive il suo primo racconto (“The cop on the beat”). Inoltre fin da bambino è solito tenere un diario e scrivere articoli immaginari su degli argomenti che difficilmente poteva conoscere, ma che stimolavano la sua creatività, come le corse di cavalli, i campionati di baseball e football americano. Per Jack la scrittura è un modo naturale di esprimersi,  qualcosa che fin dai primi anni dell’infanzia fa parte del suo modo di approcciarsi al mondo.

 

jack-kerouac-rotolo-on-the-road jack-kerouac-scrittore

Al liceo riesce a distinguersi nel campo dello sport tanto da vincere una borsa di studio per la Columbia University di New York. La partenza è ottima, ma presto Kerouac abbandona gli studi. Si considera uno spirito libero, troppo anarchico per trovarsi a proprio agio negli ambienti accademici e soprattutto ha un’inesauribile voglia di scoprire il mondo.

jack-kerouac

Inizialmente si mantiene con una serie di lavori manuali: fa il muratore, l’apprendista metallurgico e nel 1942 decide di partire e arruolarsi in marina. Il mare lo affascina ma presto viene congedato per problemi psicologici e quindi per continuare a navigare è costretto a imbarcarsi su un cargo della marina mercantile, come aveva fatto circa 50 anni prima Joseph Conrad, uno degli scrittori a cui Jack si sentiva più affine. L’avventura in marina però anche questa volta finisce male, Kerouac si trova coinvolto in un omicidio e finisce in prigione per favoreggiamento.

Beatnik breakfast
Jack Kerouac, William Burroughs e Allen Ginsberg fanno colazione insieme

Riconquistata la libertà, ricomincia a vagabondare per il mondo e inizia a frequentare quelli che saranno i suoi compagni di viaggio e che con lui scriveranno il manifesto della Beat generation: William Borroughs, Allen Ginsberg, Lucien Carr.

 

La Beat Generation è un gruppo di bambini all’angolo della strada che parlano della fine del mondo.

Jack Kerouac

 

Nel 1945 Kerouac inizia a scrivere il suo primo romanzo La città e la metropoli (poi pubblicato nel 1950) e un anno dopo incontra Neal Cassady che presto diventerà non solo il suo più grande amico, ma anche il personaggio di molti suoi romanzi.

9.-Jack-Kerouac-wandering

Jack Kerouac, Peter Orlovsky, and William Burroughs on the beach in Tangier, 1957
Jack Kerouac, Peter Orlovsky, e William Burroughs sulla spiaggia a Tangier, nel 1957

Nel 1947 affronta la prima traverata degli Stati Uniti, il suo viaggio, in autobus e in autostop, la sua personale conquista del West. Nel 1951 sulla base di questa esperienza scriverà su un rotolo di carta da telescrivente il suo capolavoro On the Road.

 

Oltre le strade sfavillanti c’era il buio, e oltre il buio il West. Dovevo andare.

Jack Kerouac, On the Road 

 

percorso jeruac-on-the-road

Durante il suo vagabondare si avvicina al buddhismo, la cui filosofia gli ispirerà I barboni del Dharma e diventerà una costante nella sua produzione letteraria anche se sempre reinterpretata in maniera assolutamente personale e non dogmatica.

allen-ginsberg-timothy-leary-and-neal-cassady-2-others-3-works-photographs-silver-print-zoom-3

Kerouac nelle sue opere comincia a esaltare lo stile di vita semplice del vagabondo, la chiama “la rivoluzione dello zaino” e lo porta a esaltare uno stile di vita lontano dal materialismo sfavillante della New York dove aveva passato i primi anni della sua giovinezza.

Jack Kerouac Reading Beatnik Poetry in Lower East Side Loft, February 15, 1959 © Estate of Fred W. McDarrah, courtesy Steven Kasher Gallery, New York
Jack Kerouac durante un reading di poesie in un loft nel Lower East Side a New York 1959 © Estate of Fred W. McDarrah, courtesy Steven Kasher Gallery

Nel 1956, Elvis Presley irrompe nella scena musicale con il suo rock n’roll e l’America si accorge per la prima volta dell’esistenza della Beat generation. Finalmente nel 1957 dopo molti rifiuti e porte sbattute in faccia dagli editori viene dato alle stampe On The Road. Che presto diventerà un best-seller e una lettura “obbligata” per migliaia di ragazzi nel mondo.
Kerouac muore il 21 ottobre 1969, a soli 47 anni, per alcolismo. Durante la sua vita scrisse circa una dozzina di romanzi.

jack-kerouac-anniversario

   @LeftAvvenimenti

Commenti

commenti