L’Europa piange lacrime di polistirolo per celebrare la Giornata Mondiale del Rifugiato che, visto il quadro generale, sembra uno scherzo mal riuscito. Invece no. Ieri tutti i burocrati hanno finto almeno per un minuto di essere tutti contriti per poi lasciarsi andare all’ammazzacaffè. La Giornata Mondiale del Rifugiato è un po’ come il progetto di un distributore automatico di diritti: buono per farci sopra narrazione da campagna elettorale ma poi alla fin fine semplicemente una perversione da calendario.

Intanto, ventiquattro ore prima, le guardie turche (i militari servetti di una nazione indegna di essere considerata democratica eppur profumatamente pagata dall’Europa per “risolvere” il problema dei rifugiati) hanno pensato di schiacciare il grilletto per disinfettare il confine: sarebbero otto morti di cui quattro bambini. Un presepe di cadaveri. Una cosa così.

Le fonti ufficiali turche (che valgono più o meno come le dicerie da bar) dicono e non dicono, confermano ma non troppo e infine cercano di raccontare la difficoltà di “vigilare i confini”. Già, non potete immaginare come sia terribile vedersi minacciati da bambini laceri e scalzi. Roba da film dell’orrore. Già. Così mentre tutti fingono in Turchia sparano. E questa volta i rifugiati muoiono anche senza acqua salata. All’asciutto.

Se una grave emergenza umanitaria viene affidata ad un Paese che non rispetta (al di là della conferma di questa ultima notizia) i diritti umani come si dice? Vigliaccheria. Pilatesca codardia. Niente comunque che dia il diritto di fingersi dispiaciuti.

Buon martedì.

Commenti

commenti