La foto campeggiava ruvida sulla bacheca della pagina facebook “Italiani compatti I” (ebbene sì, sono più d’una e I sta per ‘prima’) e rappresenta una patente con una didascalia da brividi:

«Mentre eravamo tutti distratti dalla tragedia del terremoto, proprio ieri il Senato ha approvato – con ben 303 voti a favore e solo 116 contrari – la modifica dell’articolo 126 ter del cod. della strada che prevede l’ottenimento della patente GRATIS (scritto così, maiuscolo, eh nda) per (minuscolo nda) TUTTI GLI IMMIGRATI (arieccolo il maiuscolo nda) che la richiedono, e con ben 30 punti iniziali anziché 20 come NOI »

e poi sotto il solito «SCRIVI BASTA E CONDIVIDI»

Accanto alla foto l’amministratore commenta a nome della pagina: “Adesso basta siamo stanchi di queste ingiustizie poi dobbiamo vederli ubriachi che fanno le stragi” e il solito invito a condividere.

Sotto il solito proliferare di beceri commenti razzisti. Un’orda di imbecilli pronta a farsi massa alla prima coglionata.

E fa niente che l’articolo 126 ter del Codice della Strada non esista. E fa niente che i voti dei senatori sarebbero 303+116 e quindi 419 quando in Senato sono 315 in tutto (più i Senatori a vita). Fa niente che la didascalia sia scritta con un analfabetismo degno di un discorso di Salvini in inglese. Tutti incazzosi, tutti pronti a indignarsi. Solo ieri pomeriggio erano 58.514 le persone che avevano condiviso sulle proprie bacheche. Un virus. Gente che non si informa perché intende le notizie (e la politica) solo come occasioni di vendetta: se sono funzionali alla bile vanno bene, vere o non vere.

Qui non è questione di post-verità ma di coglioneria. Gente che usa la propria tessera elettorale per affettare i nemici sull’onda di odio indotto.

Se ne conoscete qualcuno, se lo incrociate virtualmente o dal vivo fategli un piacere, leggetegli ciò che scriveva Antonio Gramsci ne “L’Ordine Nuovo” il 26 aprile del 1921:

“Il fascismo si è presentato come l’antipartito, ha aperto le porte a tutti i candidati, ha dato modo a una moltitudine incomposta di coprire con una vernice di idealità politiche vaghe e nebulose lo straripare selvaggio delle passioni, degli odii, dei desideri.
Il fascismo è divenuto così un fatto di costume, si è identificato con la psicologia antisociale di alcuni strati del popolo italiano, non modificati ancora da una tradizione nuova, dalla scuola, dalla convivenza in uno Stato bene ordinato e amministrato”

Ah, specificategli che è morto, Gramsci.

Buon martedì.

 

Commenti

commenti