Silvio Berlusconi: «Per il centrodestra punto su Sergio Marchionne. Tra non molto gli scade il contratto negli Stati Uniti (quello con FCA, ndr.), e se ci pensate bene sarebbe l’ideale…».

Che Berlusconi volesse davvero candidare Marchionne alla Presidenza del Consiglio è una notizia a cui non crede nessuno e difatti a stretto giro di posta è arrivato il rifiuto dell’imprenditore feticcio che tra i casini italiani e un tranquillo stipendio all’estero (con un comodo regime fiscale) ha ovviamente deciso di stare dov’è. Intanto però Berlusconi per la milionesima volta con la sua frase s’è preso i titoli dei quotidiani, ha fatto incazzare ancora un po’ Salvini e ha fatto mancare per qualche minuto la terra sotto i piedi ai suoi servili servitori e ai suoi servili alleati.

Ma il punto vero messo a segno da Berlusconi è un altro: con la boutade su Marchionni Berlusconi ha rigirato il coltello sulla svolta di Matteo Renzi senza nemmeno avere bisogno di nominarlo. Marchionne, ricordiamolo, è la scelta che il leader del PD da tempo ha preso sul mondo del lavoro: «Quando in un paese c’è la disoccupazione giovanile al 39 per cento, vuol dire che abbiamo bisogno di creare lavoro. – disse Renzi nell’aprile dell’anno scorso – In questo paese si è detto che c’era un disegno squallido contro i lavoratori, ma io penso che in questo paese abbia fatto più Marchionne, più alcuni imprenditori, che certi sindacalisti. Io sto con Marchionne».

In pratica: Renzi si innamora di un uomo che ha tutti gli stili e i valori del centrodestra, Berlusconi lo candida (per finta premier) e il tilt è compiuto. Ma non è un tilt: è la rappresentazione più fedele di due partiti (PD e Forza Italia) e due leader che fanno i distanti e invece sono sovrapposti sui temi del lavoro, della finanza, dei diritti. Oltre che sull’immigrazione, ovviamente.

Molto bene.

Buon lunedì

 

Commenti

commenti