Condividi

Venti settembre 2017. Una data da cerchiare in rosso. Rosso-vergogna. La Camera dei Deputati  respinge l’ipotesi di embargo relativo alla fornitura di bombe italiane verso l’Arabia Saudita e la conseguente partecipazione, seppur indiretta, dell’Italia a una guerra senza autorizzazione né mandato internazionale come quella in atto nello Yemen. L’Italia invia da Cagliari armi fabbricate negli stabilimenti sardi della RWM Spa, di proprietà della tedesca Rheinmetall. Armi che hanno provocato la morte di centinaia di civili. «L’Italia non può contribuire a questo scempio con ordigni fabbricati sul proprio territorio e inviati in particolare all’Arabia Saudita, Paese che guida la coalizione militare è intervenuta, senza alcun mandato internazionale, nel conflitto in corso in Yemen contro i gruppi armati Houti. Nessuna alleanza in materia di contrasto al terrorismo internazionale, né la mancanza di formali embarghi internazionali e nemmeno l’impegno sul fronte diplomatico può giustificare il protrarsi di queste forniture di morte e distruzione…». E’ un passaggio dell’appello congiunto di Amnesty International Italia – con la Rete Italiana per il Disarmo e altri – rivolto a tutti i membri del Parlamento alla vigilia del pronunciamento del 20 settembre. La risposta è stata il voto della vergogna. «Parlamento e Governo – annota Gianni Rufini, direttore generale di Amnesty International Italia – dimostrano lo scarso interesse per il rispetto dei diritti delle vittime di un conflitto violentissimo e illegale, per fare un favore all’industria degli armamenti e all’Arabia Saudita, il Paese che riesce a farsi perdonare ogni abuso col peso della sua potenza finanziaria. La decisione della Camera di rimandare a una generica «linea d’azione condivisa» con gli Stati dell’Unione europea è il classico metodo per guadagnare tempo e rinviare la questione sine die.

L’Ue si è già espressa tramite il Parlamento Europeo, l’Italia ha sottoscritto nel 2013 il trattato ATT (Arms Trade Treaty) che impedisce la vendita di armamenti ai paesi in conflitto, e la legge italiana 185 del 1990 già prevede questo divieto. Ancora non basta? Le prove indiscutibili dei crimini di guerra e delle brutalità commesse contro la popolazione yemenita evidentemente non sono sufficienti a risvegliare una classe politica ormai priva di riferimenti morali». «È incredibile come la maggioranza parlamentare, continui a essere sorda alla situazione dello Yemen, ignorando le nostre richieste di uno stop dell’invio di armi verso le parti in conflitto – gli fa eco Francesco Vignarca, portavoce di Rete Disarmo. «Fermare la fornitura di armamenti alle forze militari della coalizione guidata dall’Arabia Saudita – sottolinea a sua volta Oxfam – è un dovere nazionale, è una decisione di responsabilità, è dimostrare che l’Italia mette la pace, la sicurezza e la difesa dei diritti umani al centro della propria politica estera e di difesa». Diversi Paesi europei con cui l’Italia è alleata, tra cui Germania, Svezia e Olanda, già da tempo hanno interrotto le forniture di sistemi militari all’Arabia Saudita, in particolare quelle impiegate dall’aviazione saudita in Yemen. «Fin da gennaio – denuncia Giorgio Beretta dell’Osservatorio sulle armi di Brescia (Opal) – le Nazioni Unite hanno reso noto un rapporto nel quale non solo documentano che «la coalizione guidata dall’Arabia Saudita non ha rispettato il diritto umanitario internazionale in almeno 10 attacchi aerei diretti su abitazioni, mercati, fabbriche e su un ospedale», ma certificano che diversi di questi attacchi sono stati compiuti con bombe di fabbricazione italiana denunciando, senza mezzi termini, che queste azioni militari «possono costituire crimini di guerra» (may amount to war crimes): che è il massimo che può dire un gruppo di esperti, perché non è un tribunale». In particolare, quel Rapporto ci dimostra il ritrovamento, a seguito di due bombardamenti a Sana’a nel settembre 2016, di più di cinque «bombe inerti» sganciate dall’aviazione saudita contrassegnate dalla sigla Commercial and Government Entity (CAGE) Code A4447. Quest’ultima è riconducibile all’azienda RWM Italia S.p.A. del gruppo tedesco Rheinmetall, con sede legale in via Industriale 8/D a Ghedi, in provincia di Brescia.

Secondo gli esperti delle Nazioni Unite, «l’utilizzo di queste armi rivela una tattica precisa, volta a limitare i danni in aree in cui risulterebbero inaccettabili». Gli esperti spiegano inoltre che «una bomba inerte del tipo Mk 82 ha un impatto pari a quello di 56 veicoli da una tonnellata lanciati a una velocità di circa 160 km all’ora «.Dopo le ripetute denunce presentate all’Italia dall’Onu e da organizzazioni umanitarie internazionali e italiane circa l’esportazione all’Arabia Saudita di bombe fabbricate in Sardegna e usate contro civili nella guerra in Yemen, è emersa la prima vera conferma da organizzazioni indipendenti yemenite del ritrovamento di frammenti di ordigni made in Italy della RWM di Ghedi (Brescia) sul luogo di un sanguinoso raid aereo di otto mesi fa nel nord-ovest dello Yemen e nel quale sono morti almeno sei civili: una donna, un uomo e quattro minori. La denuncia è dell’ong yemenita Mwatana (Cittadinanza), che riceve fondi, tra l’altro, dall’agenzia Onu per l’infanzia (Unicef). Nata nel 2013, Mwatana dal 2015 monitora costantemente e in tutto lo Yemen le violazioni contro civili nella guerra in corso tra più parti e a cui partecipa la Coalizione a guida saudita contro l’insurrezione Huthi. Il capo ufficio stampa di Mwatana, Taha Yaseen, ha confermato quanto scritto dalla stessa organizzazione lo scorso 24 marzo in un rapporto sulle vittime civili causate, tra l’altro, da un raid aereo compiuto alle 3 del mattino dell’8 ottobre 2016 su Der al Hajari, località nel distretto di Bajel nella regione nord-occidentale di Hodeida. «Sul luogo dell’attacco sono stati rinvenuti resti degli armamenti usati nel bombardamento. Tra questi un frammento di una bomba di fabbricazione italiana identificata grazie all’analisi delle sigle».

A conclusione di una approfondita indagine, che ha incrociato tabelle ministeriali e altre fonti, Opal ha potuto riscontrare «una licenza da 411 milioni di euro alla Rwm Italia è destinata proprio all’Arabia Saudita», rimarca ancora Beretta. Si tratta dell’autorizzazione all’esportazione di 19.675 bombe Mk 82, Mk 83 e Mk 84. Bombe sganciate su obiettivi civili, comprese scuole e ospedali pediatrici. E a morire o a restare menomati per sempre in questi attacchi sono i bambini «Negli ultimi 15 mesi i bambini yemeniti sono stati vittime di una violenza indicibile. Tutte le parti in conflitto sono responsabili di una situazione terribile, di orrori inimmaginabili», racconta Edward Santiago, direttore di «Save the Cildren» in Yemen. «Giungono notizie davvero tragiche dallo Yemen dove la guerra sta uccidendo una generazione di bambini innocenti», incalza Andrea Iacomini, portavoce dell’Unicef in Italia: «Abbiamo notizie fondate che parlano di numeri agghiaccianti di questo conflitto. Nel solo 2017, 347 bambini e bambine sono stati mutilati, 377 bambini sono stati reclutati come soldati e vittime di violenze ma sappiamo che sono molti di più. Per non parlare sempre in questo anno dei bimbi uccisi che ad oggi risultano essere oltre 200». Una «nuova Siria», afferma Iacomini , «sta esplodendo davanti ai nostri occhi senza che nessuno muova un dito. Gridiamo a gran voce pace o sarà l’ennesima catastrofe umanitaria di cui non possiamo restare complici» E tra i complici di questa strage infinita c’è l’Italia. Con le sue bombe. Con il suo voto. E con dichiarazioni come quella rilasciata al Palazzo di Vetro dall’impalpabile ministro degli Esteri, Angelino Alfano, sottratto per qualche giorno alla sua attività basilare: contrattare col Pd posti nel prossimo Parlamento. “L’Italia è impegnata a promuovere, anche come membro del Consiglio di Sicurezza Onu, il conseguimento di una soluzione duratura e inclusiva della crisi in Yemen. Sosteniamo con convinzione gli sforzi dell’inviato speciale delle Nazioni Unite Cheikh Ahmed per individuare una soluzione nel negoziato. Ma l’Italia si attende dalle parti, compreso il governo legittimo, un atteggiamento responsabile e aperto al raggiungimento dei compromessi politici necessari”, declama il titolare della Farnesina dopo aver incontrato, ai margini dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, il presidente dello Yemen, Abdurabo Mansour Hadi, e il vice premier e ministro degli Esteri, Abdulmailk Al-Mekhlafi, ambedue a libro paga di Riyadh e destinatari delle armi italiane. Non c’è limite alla vergogna.

Commenti

commenti

Condividi