Condividi

Una mattina, alla radio, sento in coda a un notiziario che si “aggrava il bilancio delle vittime dell’attentato”; torno a casa, rovisto i telegiornali in cerca di dettagli su cosa e dove sia successo, ma – non trovando nulla – penso di essere solo suggestionato dalla sequela di atti terroristici degli ultimi anni. In serata, la notizia ricompare, anche se non tra le più importanti e persino l’indomani (oltre a Left) sono rari i giornali che le danno dignità da “prima pagina”, tanto che, in voluta controtendenza, Massimo Bordin ne fa l’apertura della rassegna stampa di Radio Radicale. La domanda che traggo dalla mia grottesca rêverie è questa: quasi trecento morti e altrettanti feriti per l’esplosione di due camion bomba a Mogadiscio, sono o non sono un titolo da prima pagina, oltre che una tragedia di una gravità inaudita? Proprio mentre scrivo, mi arriva un’altra notizia, sempre in sordina, e mi sorge un’altra domanda: sembra che per uno dei due camion bomba in Somalia sia stato usato un vecchio mezzo militare italiano e che la procura di Firenze stia indagando sulla esportazione illegale di mezzi dismessi, ma non demilitarizzati, delle nostre forze armate. Forse qualcuno sta studiando nuovi modi per aiutare gli africani a casa loro?

 

Per approfondire: Le stragi dimenticate alla periferia dell’Impero di Massimo Alberizzi

Commenti

commenti

Condividi