Condividi

Erano cinque. Quasi sei, con una donna incinta.

Li hanno ritrovati sul colle della Scala, il passaggio che congiunge la Val di Susa in Piemonte con la Val della Clarée. Per loro cinque (e per molti altri) è semplicemente l’unica via per passare dal Piemonte alla Francia e poi sperare di poter proseguire sempre più a nord. Quando li hanno individuati nel buio e nel freddo delle cinque e venti del mattino due di loro erano mezzi congelati, uno aveva perso le scarpe in mezzo alla neve alta, un altro aveva perso i guanti.

Alla centrale del soccorso alpino di Bardonecchia arrivano segnalazioni tutti i giorni: i migranti provano a passare da quel canale per superare i controlli. Dopo avere rischiato di riempirsi i polmoni di acqua e sale non si fermano certo per la paura di finire surgelati.

Ogni volta che si ripescano disperati che si arrampicano su vette così alte di disperazione bisognerebbe mettere la loro storia sotto teca per riuscire a dare il senso della paura, della fuga, del loro sparpagliarsi negli anfratti più nascosti di questa Europa per scovare un pertugio.

Quei cinque migranti surgelati sono l’inverno europeo del nostro scontento che si inerpica tra le valli e, se muore, si lascia cadere dove non lo trova nessuno. Eppure quei cinque, se ci pensate, sono talmente diversi dall’immigrazione selvaggia che viene sventolata per concimare terrore e diffidenza.

Se si trovassero le parole per scrivere di una donna gravida che dopo il mare decide di attraversare anche la neve pur di partorire con uno spiraglio minimo di possibilità allora sarebbe già pronto il presepe laico di quest’epoca. Surgelato.

Buon martedì.

Commenti

commenti

Condividi