Condividi

La ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli l’aveva annunciata a settembre 2017 proprio su Left: «Una Conferenza programmatica sulla scuola entro la fine dell’anno che chiami in causa tutti i soggetti coinvolti, al di là del colore politico, dell’orientamento o di qualsiasi divisione partitica». Ma non c’è stata nessuna Conferenza programmatica e, anzi, l’anno si è chiuso mestamente, tra la polemica sui licei brevi, l’attesa del contratto nazionale dei docenti e la protesta delle maestre cui il Consiglio di Stato ha ricordato che occorre la laurea per insegnare. Nessun dibattito pubblico, nessuna Costituente della scuola come aveva proposto a settembre Francesco Sinopoli, segretario Flc Cgil.

E invece di riflessioni approfondite l’istruzione pubblica avrebbe un gran bisogno. La Buona scuola, partita al suono della grancassa – «una rivoluzione strepitosa», l’aveva definita Matteo Renzi nel 2015 davanti alle celebri slides -, si è rivelata la prova evidente di un fallimento che però continua a provocare danni. E non solo a livello organizzativo, come si è verificato per il caos dei trasferimenti degli insegnanti o per l’improvvisazione che ha caratterizzato l’alternanza scuola lavoro. La legge 107 ha introdotto un’idea di scuola “aziendalistica”, appiattita sul lavoro e con un input meritocratico che mina la condivisione e la collegialità delle decisioni da prendere. Adesso, calato il sipario sul governo Gentiloni, erede delle politiche scolastiche renziane, cosa ne sarà di…

L’articolo di Donatella Coccoli prosegue su Left in edicola


SOMMARIO ACQUISTA

Commenti

commenti

Condividi