Condividi

Se si riuscisse a non subire l’egemonia culturale di chi si incarta sui 30 euro (falsi) ai rifugiati, se si riuscisse a non farsi mettere all’angolo dalla facile pantomima sui vitalizi (che non esistono più, che sono un privilegio odioso ma troppo spesso usato per non parlare d’altro), se non avessimo a che fare con chi gioca a fare lo sceriffo contro i ladri di polli e se avessimo il nerbo di fare i forti con i forti e mica solo i prepotenti con i deboli allora ci sarebbero sul piatto 10 miliardi di euro (dieci miliardi di euro) da recuperare subito in nome della peggiore evasione fiscale, quella nascosta tra le pieghe degli accordi seminascosti tra governi e multinazionali.

Con il trucco dell’accordo fiscale le grandi multinazionali strappano regimi da paradiso nel cuore dell’Europa senza che l’argomento provochi un minimo di sollevazione popolare. Quando l’Irlanda venne multata dalla Ue per avere irregolarmente favorito la Apple (che aveva risparmiato qualcosa come 13 miliardi di lire alla faccia dell’uguaglianza tra popoli che dovrebbe essere una delle fondamenta dell’Europa unita)  lo sdegno è durato giusto il tempo di qualche campagna di boicottaggio buona per i social network eppure ci sono altri 2.052 casi simili nel Vecchio Continente.

Sono 78 gli accordi di tax ruling (un banale escamotage grazie al quale un governo può concordare con le multinazionali un trattamento fiscale di favore) attivi qui in Italia e, come ha scritto l’Espresso, Philip Morris, Michelin e Microsoft sono tra i beneficiari di un condono preventivo che gli permette di agire in Italia con parametri ben più bassi di quelli nazionali. Per intendersi: ben più bassi dei loro concorrenti e delle altre imprese. Il tutto alla faccia della “libera concorrenza” che viene sventolata ogni piè sospinto. Alla fine del 2016 tra le note del Def il Ministero dell’Economia aveva calcolato che solo all’Italia mancano circa 31 miliardi di imponibile che tradotto in mancato gettito fiscale fanno circa 10 miliardi di euro, lo 0,6% del PIL.

Se volete fare i Robin Hood (come in molti hanno promesso di fare in campagna elettorale) vi viene facile facile.

Buon martedì.

 

Commenti

commenti

Condividi