Condividi

Mezz’ora di internet gratuito per tutti: i giornali aprono con titoli divertenti e divertiti sulla dichiarazione del ministro Luigi Di Maio dando sfogo agli istinti d’opposizione che in questo caso perdono completamente di vista l’argomento centrale.

Internet come diritto, innanzitutto: forse l’immagine della mezz’ora come diritto è banale e banalizzante ma internet come “diritto primario” (come ha detto ieri Di Maio) è un tema fondamentale di cui si discute in tutta Europa e quasi niente in Italia (eppure è l’argomento fondante della Dichiarazione dei diritti di internet elaborata dalla commissione Boldrini nella precedente legislatura ed è un punto su cui si è battuto a lungo a Stefano Rodotà). E sentire un vicepresidente del Consiglio che affronta l’argomento è una buona notizia.

Ieri tra l’altro Di Maio, in occasione dell’Internet day, ha anche preso una posizione chiara contro la riforma europea del copyright che vorrebbe tassare la condivisione di link (se vi fa ridere leggerlo così pensate a quanto poco ne avete letto in giro) e che vorrebbe demandare agli algoritmi il filtraggio ex ante di contenuti (ne parla con precisione Fabio Chiusi su Valigia Blu qui). Il discorso di Di Maio (che trovate qui) mentre in Italia è stato condensato nella riga della mezz’ora al giorno ha ricevuto il plauso delle più importanti organizzazioni internazionali di diritti digitali.

Forse sarebbe il caso che l’informazione (e l’opposizione, se esistesse) avesse più cura degli argomenti in campo e usasse un po’ più di lucidità piuttosto che buttarsi a testa bassa allo stesso modo contro il vergognoso fallimento del diritto umanitario internazionale e contro una frase estrapolata dal suo contesto. Ci guadagnerebbe il Paese e ci guadagnerebbe la credibilità di chi scrive. Per capirsi: è vergognoso Salvini, sono vergognosi i porti chiusi (che poi in realtà non sono chiusi) ma è vergognosa anche la Link tax a cui questo governo si è opposto chiaramente. Si può dire uscendo dal tifo?

Buon mercoledì.

Commenti

commenti

Condividi