Condividi

I profitti prima delle persone
«Il Cda di Atlantia ha avviato la valutazione degli effetti delle continue esternazioni e della diffusione di notizie sulla società, avendo riguardo al suo status di società quotata, con l’obiettivo di tutelare al meglio il mercato e i risparmiatori». Dentro questa nota, diffusa dal gestore dopo solo nove giorni dal crollo del viadotto Morandi a Genova, che ha provocato 43 morti e centinaia di sfollati, c’è l’evidenza di come le politiche liberiste abbiano mutato in profondità la nostra società.

Saranno le inchieste della magistratura a stabilire le responsabilità penali e civili, ma un dato è tanto certo quanto rimosso: sotto quel ponte è crollato il sistema delle privatizzazioni, che per decenni ha disegnato – dietro l’ideologia della “modernità”- una società interamente affidata al mercato e plasmata nell’orizzonte della solitudine competitiva. Un processo senza pari in Europa per intensità e concentrazione nel tempo, che ha ridisegnato drasticamente la modalità dell’intervento pubblico nell’economia.

Un processo guidato con pervicacia dai governi di centro-sinistra, il cui allora ministro Vincenzo Visco, così significativamente introduceva nel 2001 la presentazione del Libro bianco sulle privatizzazioni: «Questo Libro bianco sulle privatizzazioni vede la luce al termine di una legislatura nel corso della quale tutti gli obiettivi di dismissioni che erano stati stabiliti sono stati raggiunti e superati. La legislatura si conclude, infatti, con la pressoché totale fuoriuscita dello Stato dalla maggior parte dei settori imprenditoriali dei quali, per oltre mezzo secolo, era stato, nel bene e nel male, titolare».

Privato, voce del verbo privare
Oggi, trent’anni dopo e di fronte a una strage eclatante, i sostenitori delle privatizzazioni, pur in difficoltà, si comportano da adepti religiosi, cercando di salvare il dogma di fede – le privatizzazioni – e scagliandosi contro le esperienze “secolarizzate”, attraverso la teoria delle “privatizzazioni fallimentari”. Secondo i cantori del mercato, le privatizzazioni fallite sarebbero quelle fatte solo per “fare cassa”, senza creare una liberalizzazione del settore e il conseguente mercato concorrenziale. Inutile controbattere loro che, in particolare nel caso di monopoli naturali, quali ad esempio il servizio idrico e le autostrade,il passaggio dal pubblico al privato non ne modifica la caratteristica di monopolio. Ma proviamo ad…

L’articolo di Marco Bersani prosegue su Left in edicola dal 31 agosto 2018


SOMMARIO ACQUISTA

Commenti

commenti

Condividi