Condividi

Alle elezioni di Midterm negli Usa i repubblicani hanno mantenuto la maggioranza al Senato, mentre i democratici hanno preso la Camera dei rappresentanti. Non erano stati nella maggioranza per otto anni. La sfida non era troppo dura per il campo dei democratici: avrebbero dovuto prendere solo 23 seggi rispetto a quelli che avevano (su 435 in totale). Per un totale di centocinquanta anni, il partito al governo alla Casa Bianca perde sistematicamente posti nel Congresso.

Visto come un referendum a medio termine della presidenza di Donald Trump, questi midterms, in cui gli americani hanno votato per rinnovare l’intera Camera dei rappresentanti e un terzo del Senato, danno alla luce un “risultato ambiguo, ma non atipico “, afferma Andrew Busch, professore di scienze politiche e governo presso la Claremont McKenna University in California, uno specialista del ballottaggio. I sondaggisti, a differenza delle elezioni presidenziali del 2016, hanno predetto in modo abbastanza preciso questo risultato. Nessuna “ondata blu” contro Donald Trump auspicata dall’opposizione, che i media annunciavano già la scorsa estate.

Come osserva lo scrittore e attivista per i diritti civili Shaun King, il risultato delle elezioni di Midterm non è “un chiaro rifiuto di Donald Trump”. Con il suo leggendario senso delle “sfumature”, il presidente americano, investito molto in questa campagna, ha persino salutato in tarda serata come un “enorme successo”.

Nelle elezioni di Midterm, le donne guidano la carica
A 29 anni, Alexandria Ocasio-Cortez diventa la più giovane eletta al Congresso della storia americana. L’attivista, ex volontaria della campagna di Bernie Sanders, rappresenterà il 14 ° distretto di New York, Bronx e Queens. Oltre alla sua giovane età, Ocasio-Cortez ha attirato l’attenzione sulla sua campagna e la sua appartenenza a Democratic Socialist of America (Dsa). Chiede un’assicurazione sanitaria universale, un salario minimo di 15 dollari (13,10 euro) , considera il diritto alla casa un diritto fondamentale.

Una avvocata dem del Michigan Rashida Tlaib è diventata la prima donna musulmana eletta al Congresso degli Stati Uniti a Washington. Nella tredicesima circoscrizione molto democratica del Michigan, che comprende una parte di Detroit e dei suoi sobborghi, la vittoria di Rashida Tlaib era prevista: i candidati repubblicani sono impalliditi  di fronte a lei. A 42 anni, Tlaib, figlia di immigrati palestinesi, succede al deputato democratico John Conyers, costretto a dimettersi dopo accuse di molestie sessuali. Componente del Dsa, il principale gruppo socialista negli Stati Uniti chiede la riforma dell’immigrazione, l’assicurazione sanitaria universale, un salario minimo di15 dollari l’ora e università pubbliche gratuite.

Un altra deputata musulmana entrerà anche nella Camera dei rappresentanti per il 5 ° distretto del Minnesota. Ilhan Omar, 36 anni, nata a Mogadiscio ed è arrivata negli Stati Uniti come rifugiata, aveva già bucato le cronache, diventando la prima musulmana americana di origine somala eletta alla Camera dei rappresentanti del Minnesota nel 2016. Ora è la prima nel Congresso degli Stati Uniti. Sharice Davids e Debra Haaland, invece, sono le prime donne amerindie alla Camera

Sfidando il repubblicano in carica Kevin Yoder nel terzo collegio elettorale del Kansas, Sharice Davids ha avuto un ruolo cruciale per i democratici nella conquista della Camera. Ha anche scritto una doppia pagina di storia, diventando la prima nativa americano e la prima lesbica eletta al Congresso.

Commenti

commenti

Condividi