Condividi

Non fatevi fregare dalla propaganda. Le ruspe che hanno contribuito all’animalesca eccitazione del ministro dell’Interno Salvini ieri non hanno abbattuto un campo abusivo di quelli che rendono barzotta la narrazione degli odiatori seriali (che fanno il deserto e lo chiamano decoro urbano): le ruspe ieri hanno abbattuto letti, tovaglie, sacchetti di plastica usati come armadio, coperte, tende e valigie che fungevano da case. Hanno sgusciato un uovo a martellate per la loro sfrenata passione per la violenza. Affrontano un gruppo di disperati con i blindati perché non odiano la povertà: odiano i poveri. Li odiano perché non si rabboniscono con l’odio o con gli slogan: i poveri, come tutti i disperati che sono disperati davvero, hanno bisogno di azioni, di cose, di soluzioni. Si disinteressano dei venditori di pentole, i disperati, perché non hanno niente, non possono restituire niente, non sono utili a niente. Per questo riflettono in modo accecante quello che siamo noi, mica loro.

Non fatevi fregare. Salvini non sgombera niente. Non ha ripulito niente. Ha mescolato l’intruglio perché non si notino gli ingredienti. Le 150 persone che da ieri sera non possono dormire lì dormiranno in un posto qualsiasi. Salvini ha annacquato la disperazione ricacciandola negli angoli e rendendola preda perfetta della criminalità da cui ci dovrebbe difendere (mentre è in guerra invece con i deboli e i disperati). Ma per lui è perfetto: un disagio propagato gli porterà più voti, ancora.

Non fatevi fregare. Baobab non era un’accolita di stranieri. Era un rifugio di afflitti. Oggi gli avviliti sono in gran parte loro (ma c’erano anche italiani) ma domani questi continueranno a odiarli che siano neri, bianchi, gialli, lombardi o romani. Fanno i forti con i deboli, perché la loro specialità sono le vigliaccate. Odieranno i deboli, chiunque essi siano. E fallire capita a tutti, al di là della provenienza e dell’accento. Ieri nessuno ha opposto resistenza. Scommetto che sarà rimasto deluso, il rissoso ministro dell’Interno.

Non fatevi fregare. Questi odiano qualsiasi centro di produzione di solidarietà e di pensiero perché non sanno come fronteggiarlo. Insistono nel chiamare zone franche le coalizioni umanitarie per nascondere sotto il tappeto la zona franca del Lussemburgo dove i magistrati stanno cercando i 49 milioni di euro ottenuti indebitamente dalla Lega, la zona franca dei fascisti del terzo millennio di CasaPound che pascolano abusivi in pieno centro, la zona franca degli evasori condonati che si sfregano le mani, la zona franca delle mafie che ridono di un ministro che pensa di combatterle arrestando i ladri di polli chiamandoli boss, la zona franca di un’interlocuzione con l’Europa che sta relegando l’Italia a barzelletta internazionale.

Ha scritto benissimo ieri Baobab: «Piccolo e misero è l’uomo che si esalta davanti ad una ruspa che distrugge il letto di un povero».

Buon giovedì.

 

Commenti

commenti

Condividi