Condividi

In questo articolo pubblicato su Tvxs.gr, il prof. Stelios Stylianidis analizza il ruolo delle politiche neoliberiste per regolare il sistema sanitario privato nella salute pubblica. Il risultato – scrive – sono state migliaia di vittime da Covid-19 in una delle regioni più ricche d’Europa.

La Lega Nord con le sue forze alleate di estrema destra e di centrodestra è responsabile del governo della Regione Lombardia da febbraio 2013. Nel 2018 ha vinto la maggioranza del governo locale con il 49,75% (Lega Nord e alleati) con il Partito Democratico che raggiunge il 19,28% e il Movimento a cinque stelle al 17,8%.

Secondo la Costituzione italiana, i governi locali delle regioni hanno la responsabilità della governance generale della regione, e quindi del settore della sanità pubblica.

La Lombardia ha una popolazione delle dimensioni della Grecia: al 31/12/2018, 10.060.574 persone vivono in una delle regioni più ricche d’Europa. Pertanto, i dati epidemiologici e i dati sul funzionamento del sistema sanitario pubblico possono essere confrontati, a determinate condizioni, con quelli applicabili nel nostro Paese (la Grecia, ndr). Schematicamente, faremo riferimento agli aspetti della gestione della crisi di Covid-19 nella regione più colpita d’Europa.

1. Il costo della pandemia in modo sproporzionato ha gravato sugli anziani. In particolare, il 22% della popolazione di età superiore ai 65 anni appartiene al 56% del numero totale di casi, mentre tra i morti l’87% ha più di 70 anni e solo il 2% ha meno di 65 anni. Molte di queste persone anziane non sono solo vulnerabili perché hanno avuto malattie croniche, ma anche perché vivono sole in condizioni socialmente inaccettabili, senza aiuto domestico e cure primarie o nelle case di cura. Di fronte alle esigenze di questa parte della popolazione, il sistema sanitario pubblico lombardo, frammentato, focalizzato solo su interventi specializzati, estremamente carenti di risorse sanitarie comunitarie, estraneo ai servizi sociali di comuni e comunità, è riuscito a rispondere solo in circostanze urgenti. , scegliendo a causa dell’inflazione delle richieste nelle unità di terapia intensiva, a seconda delle aspettative di sopravvivenza di ciascun paziente.

2. L’onere dell’assistenza medica di emergenza nella fase iniziale è ricaduto sulla rete ospedaliera pubblica. La rete ospedaliera privata, nonostante la sua enorme crescita durante il governo della Lega e nonostante l’assorbimento di significative risorse regionali attraverso partenariati pubblico-privato, è stata chiamata dal governo locale a contribuire con grande ritardo, senza coordinamento e un ruolo specifico. In tutti questi anni del dominio di Lega, anche se il settore privato è stato teoricamente coordinato dalle amministrazioni ospedaliere pubbliche come parte di un cosiddetto sistema di assistenza continua in ospedale / ambulatoriale, i servizi sanitari privati ​​sono stati costruiti autonomamente, soddisfacendo le esigenze sanitarie dei feriti. che avrebbero potuto trarre il massimo profitto e ovviamente non in relazione ai bisogni epidemiologicamente documentati di sanità pubblica della regione. Indicativamente, i letti privati ​​per malattie trasmissibili (infezioni) rappresentano solo il 6% di tutti i letti privati ​​e letti di malattie polmonari solo il 7% rispetto al 74% dei letti per interventi di emergenza e siti di riabilitazione fisica. È chiaro che questo 74% rappresenta il settore più redditizio dei servizi sanitari, rispetto al resto. Di conseguenza, al tempo della crisi sanitaria, e nonostante i recenti appelli del presidente del governo locale, la cooperazione con il settore privato non era determinata da un trattato istituzionale, ma dalla sua inesistente volontà.

3. Il personale ospedaliero pubblico, in prima linea nella battaglia, ha pagato un enorme costo personale (morti, casi, gravemente malati) e ha dimostrato nel modo più drammatico la riduzione dei letti negli ultimi dieci anni rispetto ad altri ospedali europei. regioni, paragonabili alla Lombardia. Per quanto riguarda i letti in terapia intensiva, il numero insufficiente di 850 letti si è già dimostrato insufficiente negli ultimi due anni, al culmine dell’influenza stagionale, che ha messo in luce le gravi lacune nelle cure di emergenza. La riduzione dei letti in terapia intensiva, che è stata decisa dalla Lega, è stata ovviamente accompagnata da una riduzione del personale, dei mezzi tecnologici e delle risorse infrastrutturali, necessari per il funzionamento efficace del settore pubblico delle ICU.

4. Se un altro problema emergente era quello degli interventi chirurgici programmati, a causa dell’urgente riduzione dei letti chirurgici disponibili negli ospedali dichiaranti per Covid-19. In questa situazione critica, quando il governo locale ha fatto appello per il contributo del settore sanitario privato per far fronte alle emergenze (principalmente oncologia), ha pianificato gli interventi in relazione a quelle patologie che erano più vantaggiose in termini di profitto. Questa “pianificazione” è stata fatta in modo completamente opaco, senza la necessaria responsabilità nei confronti dei servizi istituzionali di gestione della salute della regione.

5. Il settore dell’assistenza sanitaria primaria (PHC) non è stato in grado di fornire un contributo decisivo, in quanto potente filtro per il flusso di incidenti negli ospedali. Anche in questo settore, l’isolamento dei medici di medicina generale dal sistema dei medici, la mancanza di mezzi, la mancanza di connessione con le strutture ospedaliere e le loro cliniche ambulatoriali nella selezione dei casi, la drammatica mancanza di mezzi di protezione del personale PHC in ricezione di incidenti. Inoltre, i deficit di sinergia e cooperazione che erano già stati evidenziati in passato dagli operatori sanitari tra governo locale, assistenza domiciliare, centri di prevenzione e interconnessione di servizi sociali e servizi sanitari sono stati notati tra l’altro con il pogrom nelle case di cura, dove il 20% di anziani.

6. La mancanza di cooperazione tra comuni / comunità e servizi PHC al fine di creare una rete di assistenza per i casi che non erano in fase acuta, nonché la riduzione della diffusione del virus da parte dei portatori asintomatici, non era possibile a causa di lacune nell’organizzazione dei servizi.

7. L’assunzione urgente di personale per colmare le lacune è stata affidata al settore privato, senza specificare i criteri di assunzione stabiliti dai servizi sanitari pubblici.

8. Le lacune e le incertezze emerse nella gestione della crisi sanitaria da parte delle regioni, ma soprattutto della Lombardia, il cattivo coordinamento, la mancanza di attuazione di modelli di intervento operativo, hanno mostrato nel modo più chiaro che il decentramento senza regole, principi e limiti non è solo una fonte di disuguaglianza ma anche di grave inefficienza. Per tutti questi motivi, il collettivo “Milano 2030”, che comprende personalità come il professor Angelo Barbato e si compone di una rete di sindacati, associazioni, partiti e movimenti politici di sinistra, nonostante le loro differenze, ha scelto di partecipare a un’iniziativa politica che non ha precedenti storici: richiedere formalmente al governo centrale la rimozione immediata delle responsabilità di sanità pubblica dal governo locale della Lombardia e l’assegnazione a un commissario (Commissario ad acta) di e responsabile della gestione politica. Questa iniziativa, che ha lo scopo di affrontare la terribile crisi e proteggere la salute pubblica, si basa sull’attuazione dell’articolo 32 della Costituzione italiana.

9. Dalla Lombardia abbiamo imparato non solo l’importanza di misure preventive tempestive, come è ampiamente detto, ma anche qualcos’altro che non viene detto: che il potere e l’efficacia di un sistema sanitario pubblico è un valore profondamente ideologico, politico, , infine, morale. L’ideologia neoliberista dei partenariati pubblico-privato, senza un quadro, principi e regole, può essere disastrosa per la salute pubblica. È successo nella ricca Lombardia.

L’articolo originale è stato pubblicato il 17 aprile su tvxs.gr

Traduzione a cura di  Γιώργος Καρνέζης

Commenti

commenti

Condividi