Giuditta Chiaraluce è una disegnatrice marchigiana che negli ultimi anni ha accompagnato il lavoro creativo a quello culturale e politico, collaborando con artisti, case editrici, e dando vita con altri a un piccolo festival comunitario di poesia, “I fumi della fornace”. Artista dal segno lirico-ribelle, dal tratto grafico essenziale dallo stile a china e a tinte pastello, il suo mondo è composto da un ampio animalario fantastico fatto di pipistrelli, cervi volanti che scalano il cielo, leprotti scattanti e asini malinconici, mentre le sue esili figure umane hanno sempre forti sembianze di gioiosa e terrestre vitalità ed eleganza formale.

Possiamo definire i tuoi disegni poetici e politici? Mi pare che nel tuo segno, nel tuo bestiario, c’è sempre un tratto ribelle.
La parola ribelle direi che è una delle mie preferite e quindi risponderei sì. Fin da piccola mi dicevano che avevo uno spirito ribelle, e pur non capendo bene cosa significasse mi…

 

* In alto, l’illustrazione “Ciao, c’è vento” di Giuditta Chiaraluce


L’articolo prosegue su Left del 26 marzo – 1 aprile 2021

Leggilo subito online o con la nostra App
SCARICA LA COPIA DIGITALE

SOMMARIO

Commenti

commenti