Carla Corsetti

Maledettamente coinvolta

C'è un nesso tra il becero tentativo di riabilitare la sciagurata dittatura fascista, intestando una via al repubblichino Almirante, e la lucida indifferenza per le tragiche e inevitabili conseguenze della chiusura dei porti alle Ong e della stipula di accordi con i trafficanti libici "mascherati" da guardia coste di Tripoli

Carla Corsetti (Democrazia atea): «Il Concordato va abolito, senza Patti lateranensi saremmo un Paese civile»

11 febbraio 1929 - 11 febbraio 2018 A colloquio con Carla Corsetti, segretario nazionale di Democrazia atea: «Abbiamo aderito a Potere al popolo perché hanno inserito nel programma elettorale la nostra proposta di abolizione del trattato di Mussolini con la Chiesa. Affondano qui le radici dei “mali” socioculturali dell’Italia»