Charlie Hebdo

zineb-charile-hebdo-isis

Un anno fa è sopravvissuta all’attentato di Charlie Hebdo, oggi Isis la minaccia

Vi riproponiamo l’intervista apparsa su Left n. 11 a Zineb El Rhazoui a tre mesi dalla strage nella redazione parigina di Charlie Hebdo. In un dialogo con Left la scrittrice e giornalista della rivista satirica, ancora oggi minacciata da Daesh, si racconta: «Dal 7 gennaio la mia vita è letteralmente esplosa» e ci fa capire il senso della nuova copertina del numero speciale del settimanale che verrà pubblicato il prossimo 6 gennaio, esattamente un anno dopo quel giorno che «cambiò tutto».

Génération Bataclan

Una nuova puntata del diario da Parigi. Le scuole di alcuni quartieri di Parigi hanno quasi la metà degli alunni ha origini straniere e andare al catechismo è esotico come fare il ramadan. È questo che i terroristi vogliono attaccare

Je suis Zineb

Siamo andati a Parigi, a tre mesi dall’attentato di Charlie Hebdo e abbiamo parlato con la giovane giornalista, sociologa delle religioni franco marocchina che si è salvata per un semplice caso. Non era andata in redazione quella mattina, era a Casablanca per cercare casa. Voleva tornare a casa, era stanca. L’Is ha “l’obbligo” di ucciderla, perché ha offeso Maometto, ma lei è talmente arrabbiata che non riesce neanche ad avere paura.