Politica, economia, società: il “secolo breve” nella sua deriva violenta può essere indagato a scuola attraverso lo studio della figura del segretario socialista. Una chiave di lettura valida anche per capire il presente
Giacomo Matteotti rappresenta, nel corso degli anni Venti, l’ultimo baluardo che si leva a difesa delle libertà democratiche. Dopo il suo assassinio, a seguito del discorso tenuto alla Camera il 30 maggio del 1924, niente si frapporrà più fra la tutela dei diritti e la piena affermazione della dittatura fascista. Questo è quanto gli studenti…