Condividi

Dal Cilento arriva una proposta per rendere possibile la didattica in presenza. La preside Maria De Biase: «Sfruttiamo gli spazi esterni per realizzare aule didattiche ambientali»

La scuola è a due passi dal mare e dal suo ufficio Maria De Biase vede il porto e le barche. A Santa Marina di Policastro, nel Cilento, si trova la sede centrale dell’Istituto comprensivo costituito da altri plessi scolastici sparsi in due comuni, tra le montagne e il mare. Dalla scuola dell’infanzia alla scuola media. Maria De Biase è la dirigente scolastica che, dopo anni di insegnamento a Napoli, è arrivata in questo lembo di Campania dove ha potuto mettere in pratica una particolare idea di formazione, attenta all’ambiente e alla salute. La scuola ecologica, la scuola fuori, la ecomerenda con pane e olio d’oliva, gli orti coltivati dai bambini e la mensa con i cibi sani di questa terra, sono solo alcune delle tappe del percorso in cui da dieci anni è riuscita a coinvolgere insegnanti, studenti e genitori.

«Questo è il momento in cui dalle periferie d’Italia, dal Sud, può arrivare un segnale di ripartenza per la scuola pubblica», sottolinea. Mancano tre mesi al fatidico settembre e mentre si attende la prova dell’esame di Stato “in presenza”, è un fiorire di proposte per quello che sarà uno dei più difficili inizi di anno scolastico, con la necessità di garantire la sicurezza a circa nove milioni di persone, tra studenti, insegnanti e personale Ata. Si parla molto di scuola diffusa, di lezioni all’aperto, di spazi che permettano il distanziamento fisico. La preside De Biase ha elaborato un progetto, con l’aiuto di docenti e del responsabile della sicurezza. «Sono partita da una considerazione semplice: il nostro Paese non è costituito solo da metropoli, c’è tutta una dorsale appenninica e anche costiera fatta di paesi, con scuole che hanno grandi spazi esterni in contesti naturalistici tra l’altro molto belli. E allora usiamoli, questi spazi». Nella sua scuola, spiega, da anni è già stata attrezzata «un’aula didattica ambientale» con una tettoia costruita con materiali ecosostenibili. «Per il futuro le scuole potrebbero…

L’articolo prosegue su Left in edicola da venerdì 22 maggio

Leggilo subito online o con la nostra App
SCARICA LA COPIA DIGITALE

SOMMARIO

Commenti

commenti

Condividi