Unirsi per cosa?

Giorgia Meloni ha le mani libere grazie a un’opposizione disorganica e a degli alleati camerieri. Lo stravolgimento della Costituzione è l’emergenza che ha riacceso il senso di responsabilità. Uniti contro qualcosa è un inizio. Per cosa unirsi è la risposta da dare agli elettori
Il 45% degli italiani si oppone al progetto del governo di autonomia differenziata. Lo rileva una ricerca dell'Istituto Noto. L’autonomia differenziata della maggioranza - e gli italiani dimostrano di esserne ben consci - serve essenzialmente agli obsoleti interessi di quella Lega che ha dimenticato di essere nata federalista europea. Ma che è anche fuori tempo massimo rispetto alla realtà
Spesso essere bravi studenti e avere le idee chiare su cosa si vuol fare da grandi non basta. Bisogna innanzitutto fare i conti con il contesto sociale, culturale ed economico in cui si vive. I dati dell'Istat, di Openpolis e di altri istituti di ricerca
Dall'Italia al Cile. Tredici fotografi partecipano al progetto itinerante che farà tappa a Genova dall'8 luglio e a Iquique ad agosto. «Vorrei che diventasse un vettore di cambiamento individuale e collettivo», dice Paula Jesus, presidente dell'associazione Pachamama che l'ha organizzata

44 morti

I detenuti suicidi in carcere sono 44 dall'inizio dell'anno. Il 15 giugno il Consiglio d’Europa ha definito la situazione carceraria italiana “allarmante” ma su quel tema ogni allarme è muto, circondato da un generale disinteresse. Nei casi peggiori siamo nel campo del “se lo meritano”
Migliaia di vittime di abusi nel 2023. L'anno prima il presidente Biden aveva fatto inserire nel Codice di Giustizia militare il reato specifico di molestia e violenza sessuale. Ma quello che accade nelle caserme non sembra un fenomeno isolato: 8 donne su 10 nel Paese denunciano violenze fisiche e psicologiche
Una docente ha distribuito agli studenti testi negazionisti sulle partigiane. È un episodio grave che dimostra la necessità di ridare vigore all'insegnamento della storia per contrastare la propaganda delle "verità" social e i tentativi di riscrivere il passato
Ha ragione Furfaro quando dice che “è inaccettabile” che un europarlamentare dica in tv “che Mussolini era uno statista”. Forse Furfaro ha sbagliato solo una cosa: la trasmissione di Vespa non è “sua”, è nostra
È una polifonia di voci per il cessate il fuoco e la fine della strage di civili a Gaza e in Cisgiordania. Nel libro "Palestina Israele, parole di donne" l'impegno di attiviste, politiche, artiste, giuriste, insegnanti che da anni lavorano per la risoluzione del conflitto e quello di nuove generazioni di donne. Le autrici presentano il volume il 13 giugno alle 18 alla Casa internazionale delle donne aRoma, con Luisa Morgantini e Chiara Ingrao
Hanno provato a demolirlo, non ci sono riusciti. Doppia elezione per Mimmo Lucano, europarlamentare nelle liste di Alleanze verdi sinistra e di nuovo sindaco. «La mia Europa si chiama Riace», ha detto