Commenti

article placeholder

Il pericoloso Tsipras visto da Berlino

Lo spettro della coalizione Syriza sulle pagine dei quotidiani tedeschi: Angela Merkel cerca di recuperare il consenso ceduto all’ala di estrema destra euroscettica, mentre i socialdemocratici cercano di marcare la differenza senza però dare un appoggio diretto a Tsipras né alla sua Agenda.
article placeholder

Senza laicità non c’è umanità

Senza laicità, senza libertà di espressione, la civiltà umana non può in alcun modo progredire, e dobbiamo quindi fare di tutto per irrobustirle. Al di fuori di esse c’è soprattutto inciviltà: quella di chi ha voluto spezzare le matite di Charb e Wolinski e quella di chi vorrebbe spezzare le reni agli “sporchi musulmani”. I fatti di Parigi sono lì a ricordarcelo. Impietosamente.
article placeholder

Un Presidente fuori dal Palazzo

Serve un Presidente che garantisca chi sta fuori dal Palazzo e non il Palazzo. Un Presidente amico dei lavoratori che hanno protestato contro il Jobs act, dei portatori di handicap che soffrono per la riduzione dei servizi, dei precari e dei giovani senza lavoro, di artigiani e commercianti sommersi dall’onda delle tasse.
article placeholder

L’annus horribilis del lavoro

Il 2014 si sta chiudendo con il record assoluto di disoccupazione mai registrato in Italia: a ottobre abbiamo raggiunto 3 milioni e 400mila in cerca di lavoro. Nessuna politica è proporzionata alla gravità della situazione descritta, e il Jobs act produrrà nuovi problemi e altri danni al lavoro.
article placeholder

Un “sacro” contratto a tempo indeterminato

Quella che ancora oggi viene spacciata come la famiglia “naturale”, quella sancita dal sacro vincolo del matrimonio nata nel Medioevo e benedetta ancora oggi dal papa, è forse quanto di più innaturale esista: un contratto commerciale trasformato in un “sacro contratto” a vita, che prevede l’amministrazione matrimoniale maschile e la messa “in tutela” del genere femminile.
article placeholder

L’Odissea dei profughi siriani

La società civile in Italia e in Europa, con un appello che ha già raccolto molte firme, chiede che si prendano azioni urgenti di monitoraggio della sicurezza e incolumità dei cittadini siriani ora presenti in Grecia, che venga loro garantito il trasferimento legale in altri Paesi dell’Unione europea per ricongiungimenti familiari o per richiedere la protezione internazionale. Una risposta di civiltà contro le politiche di morte praticate dalla Ue e dai governi dei Paesi europei che impediscono l’ingresso e il transito anche a chi scappa dalla guerra come i siriani.
article placeholder

Ttip: multinazionali contro Stati

Le norme del Transatlantic trade and investment partnership tra Europa e Usa dovrebbero essere “armonizzate” al fine di evitare la formazione di vantaggi competitivi per questa o quell’impresa: la loro definizione sarebbe così sottratta ai parlamenti nazionali e allo stesso parlamento europeo.
article placeholder

Non è razzismo, ma esasperazione

Le immagini di Tor Sapienza, a Roma, sono state rappresentative del degrado che in questo caso non si limita certo alle cartacce per terra, alle aiuole sporche o ai cassonetti sempre colmi. È un degrado culturale e morale che progressivamente, negli ultimi anni, ha investito l’intera città.
article placeholder

Rivoluzione? No. Solo compassione

Scelte controcorrente, fino all’obiezione di coscienza, chiede Francesco. «State attenti, ha avvertito, sperimentare con la vita, è un peccato contro Dio creatore». Ma sia chiaro, il papa fa il papa. Il problema non è lui, semmai sono le lenzuolate sulla “rivoluzione di Francesco” che da più di un anno riempiono tutti i santi quotidiani del Paese.