Relazioni pericolose con esponenti dell’ultradestra. Esternazioni e proclami razzisti e sessisti. Promozione della “cultura” del Ventennio. Così il partito di Giorgia Meloni tiene vivo il legame, coltivato fin dalla sua fondazione, con la galassia nera del nostro Paese
La riforma fiscale che ha premiato i redditi medio alti. Quella sulla giustizia che rischia di lasciare molti reati impuniti. Gli investimenti insufficienti su sanità e scuola. Tracciamo un bilancio del governo Draghi, prendendo spunto dal saggio di Tomaso Montanari
L'editoriale della direttrice Simona Maggiorelli
Attaccare Meloni solo perché usa «parole d’ordine fasciste», come fa il Pd, non smuove nulla e anzi la rafforza. Siamo tutti antifascisti ma per frenarne l’ascesa è più efficace mostrare che Fratelli d’Italia, come tutta l’estrema destra in Europa, è espressione degli interessi di una minoranza ricca e privilegiata
L’Earth overshoot day del 2022 cade il 28 luglio. Tra poco più di una settimana l’umanità avrà consumato tutte le risorse ecologiche che la terra è in grado di rigenerare nell’anno. Fino al 31 dicembre 2022 (circa il 43% del tempo) l’umanità consumerà il capitale naturale e ambientale delle future generazioni e quello delle altre forme di vita presenti sulla Terra.
Negli anni Settanta vi fu una vera esplosione di dibattiti e collettivi. Presero vita così libere e indipendenti esperienze editoriali. Dopo essere transitate sul web, ora le riviste stanno tornando sulla carta. Lo scrittore marchigiano ne parla all’Elba book festival. Eccone un’anticipazione
Le parole, i libri, l’impegno della reporter assassinata nel 2006 oggi sono attuali più che mai, dopo l’aggressione di Putin all’Ucraina che richiama alla memoria quella contro la Cecenia, per i cui diritti la giornalista si spese fino all’ultimo
«Il nostro giornale, la Novaja gazeta, ha sospeso le pubblicazioni. Ma si continua a lavorare per il futuro, preparando ampi fascicoli e inchieste pronte per quando torneremo ad uscire» racconta a Left la reporter russa Zoja Svetova. «La Russia odierna - dice - somiglia molto all’Unione Sovietica»
L’Italia è una meta solo temporanea per almeno il 70% dei migranti, una delle ultime tappe prima dell’arrivo in altri Paesi europei. Ma per riuscire a oltrepassare il nostro confine «bisogna rendersi invisibili». Il racconto di chi ce l’ha fatta
Nel Centro per il rimpatrio di Gradisca di Isonzo le persone, “colpevoli” di non avere documenti in regola, vivono in sei in una cella con le finestre sigillate e niente ora d’aria. La denuncia delle parlamentari Paola Nugnes e Doriana Sarli che sono riuscite a visitarlo