«Se i partiti smettono di occuparsi di politiche del lavoro spetta a noi fare ancor più politica per rappresentare chi vive del proprio lavoro», dice il neo segretario generale Fiom Cgil, Michele De Palma, nel fare il punto sulle vertenze in corso e sulla crisi socio-economica e ambientale
In una parte della sinistra occidentale si è diffusa una tendenza a presentare le ragioni del conflitto in Ucraina focalizzandosi sulle responsabilità dell’Occidente, fino ad oscurare il ruolo di Putin e le aspirazioni di chi resiste. Ecco cosa ne pensa la sinistra “orientale”
Come tutti gli anni il XVIII Rapporto annuale dell’associazione Antigone sulle condizioni di detenzione in Italia dipinge un quadro desolante. In Italia il tasso ufficiale di affollamento delle carceri risulta del 107,4% ma il dato reale...
È realistica una resistenza nonviolenta alle stragi di Putin? Come si può parlare di “neutralità attiva” rispetto alla guerra in Ucraina? È vero che la Costituzione ammette una guerra difensiva? Ne parliamo con il coordinatore della Rete italiana pace e disarmo, Francesco Vignarca
La festa della Liberazione è l’occasione per una grande e straordinaria mobilitazione nel segno dei valori espressi nella Carta. Dal ripudio della guerra al contrasto dei neofascismi
Non solo le Quattro giornate di Napoli. In provincia di Potenza nacque una delle prime repubbliche partigiane d'Italia. E migliaia furono i meridionali nelle file dei combattenti per la liberazione al nord
La spiazzante crudezza di un sistema di potere, di cui Mario Draghi è la massima espressione, che per tutelare gli interessi di una élite sta facendo piazza pulita dei principi della Costituzione, messa a nudo da Tomaso Montanari nel suo nuovo libro "Eclissi di Costituzione". Ne anticipiamo un brano
Contro l’uso distorto della storia, in difesa della memoria e dell’importanza del dialogo per porre fine alle guerre. Da Marzabotto, luogo simbolo della Resistenza al nazifascismo, l’esempio della Scuola di Monte Sole
Il 24 aprile gli sloveni si recheranno alle urne per rinnovare l’Assemblea nazionale. Gli aventi diritto sono circa 1,8 milioni ma è facile prevedere che quasi la metà di loro resterà a casa, secondo “tradizione”....
Voluta dalla destra e approvata all’unanimità al Senato, la legge che riconosce il 26 gennaio come Giornata nazionale degli Alpini si sovrappone al Giorno per le vittime della Shoah e rimanda a un episodio chiave dell’alleanza di Mussolini con Hitler