Nel progetto della Regione Lazio presentato al Bologna Children's Book Fair belle storie raccontate da studentesse e studenti; storie che vanno da Roma a Cassino, da Sydney a New York per arrivare fino in Canada, o che partono dalla Georgia e dalla California, vere, reali, per poi giungere, attraverso misteriosi portali, in immaginari mondi sotterranei
La ricerca dell'autore de "I quaderni del carcere" sulle culture, tradizioni, correnti di pensiero europee è uno strumento prezioso per guardare oltre i nazionalismi e gli spettri del presente. È questo il contenuto di un volume collettaneo edito da Bordeaux con il sostegno di transform!europe

I competenti

Dai dati sull'attività dei leader politici in Parlamento emerge che Carlo Calenda (Azione-Italia Viva) ha partecipato all’11,2 per cento delle votazioni in Senato e che da gennaio ad aprile è stato ospite di 26 trasmissioni in televisione
Il senso per la stampa di Matteo Renzi che aggiunge all'elenco di attività extraparlamentari un altro tassello, diventando direttore de "Il Riformista"
Condizioni di trattenimento inumane e degradanti, detenzioni arbitrarie e respingimento collettivo: la Corte europea dei diritti umani ha condannato l'Italia per la detenzione e l'espulsione di quattro migranti tunisini
A proposito dell'articolo su "Il Fatto quotidiano” (da cui si sono dissociati il direttore e la redazione) è importante far conoscere soprattutto ai giovani cosa è stato il fascismo e cosa è il neofascismo
La guerra in Ucraina, che segna uno spartiacque nella nostra epoca, si inserisce in un contesto economico instabile di cui bisogna tenere conto. La tragedia della politica delle grandi potenze consiste nel fatto che, siccome nessuno Stato è in grado di raggiungere l’egemonia globale, il mondo è condannato a una grande e perpetua competizione.
La nave Louise Michel è in stato di fermo con l'accusa di aver effettuato troppi salvataggi, violando (l'inaccettabile) codice anti Ong voluto da Piantedosi. La Guardia costiera accusa anche Sos Méditeranée, colpevole di essersi fatta sparare addosso dalla cosiddetta Guardia costiera libica...
Giorgia Meloni avrebbe potuto chiedere della loro disperazione che li spinge a rischiare la vita in mare, invece li ha caricati su un aereo, li ha impacchettati nel suo ufficio a Roma, ha sbrigato questa fastidiosa pratica di fingersi compassionevole e infine ha delegittimato il loro diritto di cercare salvezza
Potrà riuscire il progetto della nuova segretaria se il partito che dirige non l’ha scelta, cioè è costituito in maggioranza da chi ha votato Bonaccini? Insomma è realistico, credibile il progetto narrato pur auspicabile?